Menu
 

Rifiuti, a San Marco dato record a novembre: +58,49% di differenziata

nov2017La città di San Marco in Lamis nel mese di novembre 2017 ha ottenuto un dato estremamente positivo per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti. La percentuale della differenziata, infatti, è stata del 58,49%.

Un risultato “storico” ottenuto grazie alla sinergia tra Amministrazione Comunale, Edilverde e cittadini. Il dato di novembre, in ogni caso, rappresenta solo una delle tappe verso un risultato ancora più gratificante per la città di San Marco in Lamis, che potrà essere conseguito solo se la collaborazione da parte dei cittadini sarà ancora più significativa. Difatti, sono ancora molti i residenti che non rispettano il calendario settimanale per il conferimento dei rifiuti e altrettanti quelli che si ostinano a depositare sacchetti della spazzatura e rifiuti di ogni tipo agli angoli delle strade.

In alcune città, proprio per scoraggiare la triste pratica dell’abbandono, i sindaci hanno pensato bene di spiattellare sul web le “esibizioni” dei propri concittadini servendosi dei filmati della videosorveglianza o delle fototrappole installate nei punti più critici dell’abitato (es. Via lungo Iana e Corso Matteotti imbocco Vico Palude).

È quanto ha fatto, ad esempio, Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, il quale ha inaugurato su Facebook una nuova rubrica: “Lo schifoso del giorno”. Nella prima puntata se l’è presa con un uomo che non ha raccolto il bisognino del cane. Nel filmato si vede il maleducato cittadino con una bustina in mano, che servirebbe proprio a raccogliere le deiezioni, ma «colpo di scena», sottolinea il sindaco, invece di usarla, dopo essersi guardato intorno, la rimette in tasca. «Ora – sottolinea Decaro – probabilmente non riusciremo a riconoscerlo a individuarlo e fargli una multa. Però mi sento di dare un consiglio ai parenti, agli amici che in queste immagini l’avranno riconosciuto: non lo invitate a cena. Non lo invitate a cena perché lo schifoso è uno di quelli che magari attacca le caccole sotto il tavolo, magari fa le puzze in ascensore o va in bagno, non si lava le mani e poi vi tocca». «Voi che potete non lo invitate», esorta il sindaco, in attesa del prossimo “schifoso”.

 

Torna in alto
Best gambling websites website