Menu
 

Il Pd suona la sveglia all’amministrazione comunale: “Riprendiamo il cammino”

san marco in lamis largo madonna delle grazie-fotoIl Partito Democratico di San Marco in Lamis ha affidato a un manifesto l’invito rivolto all’amministrazione Merla a «fare in fretta». «Al Sindaco e all’intera coalizione di centrosinistra che governa S. Marco – ribadisce il Circolo di Via Garibaldi - chiediamo più condivisione, più comunicazione, più elaborazione in direzione di scelte innovative e di lunga prospettiva». Di seguito il testo integrale del tazebao apparso nelle principali vie del paese.

«S. Marco con fatica e con alcune contraddizioni, ha ripreso il suo cammino. Ma è un cammino che ha molti più ostacoli di qualche anno fa. Nelle prossime settimane cercheremo di fare il punto con maggiore puntualità su quel che si è fatto e su quello – ed è moltissimo – che occorre fare.

L’urgenza spinge a fare in fretta. Al Sindaco e all’intera coalizione di centrosinistra che governa S. Marco chiediamo più condivisione, più comunicazione, più elaborazione in direzione di scelte innovative e di lunga prospettiva. Ma la strada intrapresa è quella giusta, ancorché obbligata. Per ripartire occorreva mettere a posto nella forma e nella sostanza i dati contabili e Finanziari, dopo la sciagurata dichiarazione di dissesto. Nelle settimane scorse con una serie di consigli comunali si sono finalmente sistemati i bilanci riequilibrati, preventivi e consuntivi degli anni 2015, 2016 e 2017. È il primo e ineludibile passo per dare certezza al futuro della nostra cittadina. E altro è successo oltre a questo. Cose ordinarie, in verità, come far ripartire il bus cittadino, lo scuolabus e l’asilo nido fin dal primo giorno di scuola, rifare le strisce pedonali (magari tutte -sic -), ecc. E, tuttavia, anche questo significa governare una città.

Il Partito Democratico, che resta perno essenziale del governo cittadino, è consapevole di quel che necessita essere affrontato con coraggio e determinazione. Dunque: - cercare nel più breve tempo possibile di utilizzare i fondi disponibili per dare sicurezza alle zone interessate da problemi idrogeologici; - prestare la massima attenzione alla questione rifiuti sia dal punto di vista del servizio prestato per i risultati da conseguire che da quello legato alla gestione del personale; - mettere mano con decisione a tutto quello che riguarda gli immobili comunali che versano in stato di abbandono o che abbisognano di manutenzione urgente e straordinaria a cominciare da Palazzo Badiale, senza tralasciare gli edifici scolastici ormai vuoti o semivuoti per il calo delle iscrizioni per i quali bisognerà trovare altre e più razionali destinazioni. Alcuni temi, ma tanti altri ce ne sono, come si può comprendere, che debbono essere affrontati con tutta l’urgenza che meritano. La collaborazione del Partito Democratico non mancherà».

Torna in alto
Best gambling websites website