Menu
 

Rimboschimento strada panoramica: M5S rivendica il "copyright"

In Italia la prima "Festa dell'Albero" fu celebrata nel 1898 per iniziativa del Ministro della Pubblica Istruzione Guido Baccelli e nel 1951 una circolare del Ministero dell'Agricoltura e delle Foreste stabiliva che la "Festa dell'Albero" si dovesse svolgere il 21 novembre di ogni anno.

Anche San Marco in Lamis a più riprese ha fatto la sua parte, specialmente all’indomani delle calamità naturali che negli ultimi tempi si sono abbattute con una certa frequenza sul territorio comunale. Nel 2014, ad esempio, anno amaro dell’ultima alluvione, la giunta Cera mise a dimora nelle zone colpite dalla furia dell'acqua 200 alberi donati dal Consorzio di Bonifica Montana del Gargano. Con la giunta Merla l’iniziativa è stata rispolverata e lo scorso anno nell'ambito del progetto #eccheccevò - su proposta (accolta con favore dall’attuale giunta) del portavoce M5S al Comune di San Marco in Lamis, Leonardo Coco - ha visto la luce il progetto di rimboschimento della strada panoramica con la piantumazione di 500 alberi. Di ieri la notizia diffusa dal vice sindaco e assessore all’Ambiente Angelo Ianzano circa la collocazione di ulteriori 700 arbusti nei pressi della chiesetta dei Santi Medici. Questa volta, però, il braccio destro di Merla sorvola sulla paternità dell’iniziativa e su Facebook s’innesca la polemica. A sbottare è Sacha De Giovanni, attivista di primo piano del movimento pentastellato targato San Marco in Lamis: “Sono contento che il vice sindaco si senta ringalluzzito per la festa dell'albero. Ma soprattutto che lui e il resto dell'amministrazione si ricordino ogni tanto del verde, non soltanto delle costruzioni, facendosi guidare dagli inesperti del M5S di San Marco in Lamis nell'ideazione del programma di rimboschimento”.

De Giovanni, inoltre, sfrutta l’occasione per tornare su alcuni temi particolarmente cari al locale M5S: “Peccato che il territorio sammarchese, nonostante gli esposti e le denunce, sia ancora devastato dall'incuria e dagli stupri ambientali dovuti alla presenza di innumerevoli discariche a cielo aperto. Nonostante tutto, quel che conta, M5S o selfisti della giunta, è che il nostro paese abbia nuovi alberi sulla strada panoramica. Se il vice sindaco e il resto della giunta lo ritengono, gli "inesperti" sono disponibili (ancora una volta) a suggerimenti anche sul mercato settimanale, sul rilancio della zona artigianale, sul D.U.C. (solo per citarne alcuni). Poi, dopo questo, possono tranquillamente ritornare nel mondo delle fiabe e riprendere ad ammazzarsi di selfie”.

Frecciatine, inoltre, sempre all’indirizzo della maggioranza, sulla concessione a cuor leggero di spazi pubblici. A lanciarle, adesso, è il consigliere comunale di San Marco nel cuore Nicola Potenza. “Sto preparando una richiesta di occupazione di suolo pubblico – scrive ironicamente sui social il consigliere di opposizione a margine di alcune immagini che mostrano un bar racchiuso in un container - non penso che ci saranno problemi ad ottenerla visti i precedenti nel nostro paese!".

Torna in alto
Best gambling websites website