Menu
 

Cagnano, festa grande di “Pane e salicornia”

PianoAnnaCagnanoFerraraJuniorTutto pronto per la Festa del pane e della salicornia, in programma per l’intera giornata del 28 luglio a Cagnano Varano. Entrambi gli alimenti, che oggi rappresentano un lusso, un tempo erano assai diffusi nella cucina dei contadini garganici, anche perché era facile reperirli, unendo il frutto del lavoro dell’uomo con quello della natura, essendo l’erba salmastra alla portata di chicchessia. E questo in alternativa al più parco ‘pane e cipolla’ di tradizionale memoria. L’iniziativa prenderà il via alle ore 10.00 in punto con il tradizionale saluto delle autorità e del suo massimo responsabile, Mario Falco. Subito dopo si passerà alla mostra “Pane, amore, arte e poesia”, racconti di pane attraverso parole e immagini.

Leggi tutto...

C’era una volta Piazza Europa

piazza europa fontana illuminata

Uagliù, jat a jucà a ‘mmez lu chian”, era il consiglio/rimprovero che quando eravamo ragazzini (quasi 50 anni fa) ci veniva rivolto dalle anziane del nostro paese. Pensandoci bene, è strana come indicazione toponomastica, quella di dire di andare a giocare nel posto che molti anni dopo sarebbe diventato piazza Europa.

Leggi tutto...

Storie Mondiali n. 18: Anche i calciatori piangono

uruguay

Vedere un calciatore professionista come Gimenez dell’Uruguay, piangere quando l’incontro di calcio tra la sua nazionale e la Francia ancora non finsice… non ha prezzo. Il calcio è il gioco più bello del mondo per tanti motivi: per l’imprevedibilità del risultato, per il tifo che non ha eguali in altri sport, per l’attesa di ogni partita che venga disputata anche sui campi di terza categoria.

Leggi tutto...

Storie Mondiali n. 17: La maglia più bella (o più brutta) del Mondo

36543676 275507486328851 4040212972990103552 n

Pochi ricordano le maglie dei portieri di calcio degli anni ’60 e ’70, quelle tutte nere. Come le divise degli arbitri. Con le maniche lunghe e il collo a “dolcevita”. Di tute non se ne parlava proprio: le gambe dei portieri erano sempre scoperte ed erano visibili le ferite sulle ginocchia.

Leggi tutto...

Storie Mondiali n. 16: Le ultime parole famose

1468058629-cattura

Quando si assiste ad un litigio si vuole capire che cosa lo abbia scatenato. Oppure quando improvvisamente scatta un applauso, idem: vogliamo capire che cosa è stato detto un secondo prima da quell’attore.

Leggi tutto...

Storie Mondiali n. 15: Tra le mani e sulle nuvole

coppaccarte

L’immagine più famosa del Mondiale di calcio del 1982 in Spagna vinto dall’Italia, forse è non quella in cui Tardelli urla in faccia al mondo la sua gioia dopo aver segnato il secondo gol alla Germania nella finale, ma la foto di un gruppo di persone che gioca a scopa.

Leggi tutto...

Storie Mondiali n. 14: “Panini” fatti in casa

paninidisSi sente ancora, volendo, pensandoci bene, l’odore della colla, quella un po’ dura, non liquida e trasparente. Si sente quando avviciniamo il nostro naso a vecchi album. Colla un po’ da plasmare prima di essere spalmata sul retro delle figurine. Grazie ad una mini paletta che serviva per raccogliere pochi grammi di colla da un barattolino, prima che venisse messa sui quattro angoli delle figurine. Il retro era di una carta non proprio sottile, e aveva anche delle scritte: penso elencasse dei regali che si potevano vincere finendo la raccolta.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Best gambling websites website