Rignano, tentata rapina in tabaccheria

Print Friendly, PDF & Email

Tentata rapina a mano armata, ieri sera, a Rignano Garganico. Il tutto è accaduto verso le 20,30 ai danni di una tabaccheria ubicata nel centralissimo Corso Roma, quello che porta al Borgo Antico. La stessa è gestita da madre e figlia, l’una sugli 80 anni, l’altra sui 40 e passa.  

A raccontarci l’episodio è la gestrice più giovane. A quell’ora la stessa si trovava sola, quando all’improvviso le si sono presentati di fronte al banco di vendita due uomini mascherati. Uno alto e magro e l’altro basso e pieno. Il primo con la pistola in pugno ha intimato la rituale frase “Dacci i soldi…” l’altro, invece, è rimasto zitto ed impassibile, come se fosse un normale cliente. La donna, per nulla preoccupata, in quanto poco prima aveva già tolto il denaro della giornata e depositato in cassaforte. Per cui l’intimazione non le ha fatto né caldo, né freddo ed ha risposto flemma flemma agli energumeni: “Fate quello che volete, io non ho soldi”. Nel banco c’erano soltanto pochi spiccioli, subito prelevati con mano lesta da uno dei due.

A questo punto, fortemente delusi per la fallita rapita ed anche un po’ impauriti dal secco diniego dell’interessata e soprattutto per l’ora (forse temevano l’ingresso di eventuali clienti o della stessa madre dell’interessata, vedova, rotta da ogni fatica e soprattutto coraggiosa quanto la figlia) sono usciti in fretta dal locale, allontanandosi velocemente dal posto con la coda tra le gambe. Lo hanno fatto dopo aver preso delle caramelle e altri dolciumi dai barattoli esposti nei dintorni, lasciando però stranamente le sigarette al loro posto nello scaffale. Pare che la tabaccheria sia sotto videosorveglianza e fornita di allarme collegato. Non appena avvisati, sul posto sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione. (Antonio DEL VECCHIO)