Siglato il protocollo d’intesa tra le Fracchie e le Farchie

Print Friendly, PDF & Email

“Oggi è un bel giorno per San Marco”, sono state le parole con cui il dott. Giuseppe Vigilante, vice presidente dell’Associazione Le fracchie di San Marco in Lamis, ha aperto l’incontro tenutosi venerdì scorso presso la biblioteca comunale per la firma del Protocollo di Intesa tra l’associazione Le fracchie e la Pro Loco di Fara Filiorum Petri, comune della provincia di Chieti e città delle Farchie.

“Un bel giorno…” ripreso anche dal Sindaco Merla per evidenziare quello che si sta facendo per la nostra bellissima tradizione delle Fracchie. “Il fuoco che unisce” sta uscendo fuori dei confini locali per incontrare e confrontarsi con altre realtà, che nei riti del fuoco riconoscono la loro identità di comunità. In poche parole “fare rete”, stabilire degli intenti comuni che rilancino il territorio valorizzando le sue risorse. Il confronto aiuta a crescere e a migliorarsi, perché il confronto è ricchezza, ha sottolineato ancora il sindaco e una comunità che ha ricevuto in eredità tradizioni che hanno fatto la storia di un popolo, come la nostra, non può non impegnarsi per tramandarle alle future generazioni, non solo per recuperare la propria identità, ma perché esse diventino motivo di crescita e sviluppo. All’incontro hanno preso parte tante personalità rappresentative del nostro paese, dalla Arciconfraternita dei Sette Dolori, rappresentata dal priore e da Don Matteo Ferro che ha sottolineato l’importanza del valore religioso della tradizione, alle scuole con la presenza degli alunni delle classi quinte del Balilla accompagnati dalle insegnati e famiglie e ancora tanti sammarchesi illustri che negli anni hanno dato un contributo determinante alla valorizzazione delle fracchie. Presente all’incontro il Consigliere regionale Napoleone Cera, il quale ha sottolineato l’impegno e la determinazione che hanno portato all’approvazione della legge sui Riti del fuoco e come i fondi stanziati consentiranno alle amministrazioni locali di mettere in atto interventi mirati per la valorizzazione e riqualificazione delle relative tradizioni. Ha invitato, infine, ad attivarsi allo stesso scopo presso la propria Regione, la delegazione di Fara composta dal Sindaco Dott. D’Onofrio Camillo, dal Vicesindaco Dott. De Ritis Francesco e dalla Prof.ssa De Ritis Gemma Presidente della Pro loco, che durante l’incontro ha raccontato la storia e il significato delle farchie. “La presenza dei bambini mi meraviglia e mi stupisce” ha commentato il Sindaco di Fara, segno forte della volontà di perseguire nel tempo la tradizione e la scuola svolge il delicato compito di formarli e renderli coscienti del patrimonio storico e culturale che riceveranno in eredità. A tale proposito l’Ins. Elisa Cipriani ha illustrato le motivazioni che hanno spinto la scuola a rendersi parte attiva nella realizzazione del progetto, nato insieme all’Associazione Le fracchie, con la quale condivide pienamente finalità e obiettivi, primo fra tutti quello di conoscere per apprezzare, conservare e valorizzare nel tempo la tradizione più sentita del popolo sammarchese. Con lo studio delle fonti e la rielaborazione personale gli alunni hanno coinvolto anche le famiglie nella scoperta delle motivazioni storiche, religiose e sociali della nostra tradizione. La proposta di un gemellaggio con il nostro paese è stata accolta con molto entusiasmo dalla delegazione e l’incontro di oggi è stato il primo momento di scambio. Ne seguiranno altri a breve, infatti, le classi quinte e l’Associazione “Le fracchie” si recheranno il 16 gennaio prossimo a Fara Filiorum Petri per assistere alla tradizionale accensione delle Farchie.

Il presidente Alfredo Della Bella, inoltre, ha ricordato tutto il percorso fin qui operato e prospettato altre iniziative per “destagionalizzare” l’evento, facendolo diventare occasione di apertura  ad eventi ed esperienze che, ci si augura, favoriranno la crescita e lo sviluppo del territorio sotto il profilo culturale, sociale e turistico. Per San Marco, sempre più identificata come città delle Fracchie, un’occasione da non perdere. Infine,  il Presidente ha ringraziato i presenti all’incontro, l’Amministrazione Comunale per l’impegno profuso e il supporto che sicuramente non farà mancare alle varie iniziative poste in essere e con particolare gratitudine ha salutato la delegazione di Fara per la presenza e lo spirito di collaborazione instaurato con la nostra comunità, certamente foriero di occasioni di crescita e condivisione (lefracchie.eu).

IL SERVIZIO DEL TGNORBA