Amministrazione lavora su nuovo bando rifiuti, Coco (M5S): «Periferie in degrado, occorre vigilare»

Print Friendly, PDF & Email

«L’amministrazione sta approntando il nuovo capitolato di appalto per la gestione dei rifiuti, un appalto quadriennale (due + due) di oltre 5.500.000  euro. Oggi la commissione consiliare ha discusso in sintesi i vari punti cruciali del capitolato. Questione principale, garantire l’occupazione del personale addetto».

Così il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di San Marco in Lamis, Leonardo Coco, in merito al nuovo capitolato di gara circa lo smaltimento e la raccolta dei rifiuti effettuato con il metodo del porta a porta, servizio attualmente svolto in proroga dall’azienda Edil Verde di Apricena.  

Secondo indiscrezioni, per tentare di salvaguardare i posti di lavoro senza aumentare il valore dell’appalto, l’amministrazione avrebbe pensato a un monte ore fisso da utilizzare nell’arco dell’anno. In questo modo si supererebbe il vincolo (questione emersa con la precedente gara) sul numero di operatori ecologici che la ditta vincitrice dovrebbe poi prendere in carico. Su questo aspetto, a detta dell’opposizione, il contento dell’appalto potrebbe essere in contrasto con quanto stabilito dai vari CCNL (contratti collettivi nazionali sul lavoro) e offrire il fianco a rivalse sindacali. Chi vivrà vedrà.

Fa sapere ancora Coco: «Previsti una serie di servizi per la raccolta dei rifiuti che speriamo siano effettuati per mantenere la nostra cittadina pulita, come merita di essere tenuta, non certamente con il degrado attuale soprattutto in periferia, zona alto Starale e Borgo Celano che versano in uno stato pietoso, fuori da ogni interesse e attenzione da parte di questa amministrazione cieca ai bisogni dei cittadini ed al decoro urbano. L’erbaccia ha invaso ogni angolo di marciapiede e di strada».

«Occorre – ammonisce sui social il consigliere comunale pentastellato – un sistema di vigilanza e controllo, queste le nostre sollecitazioni, per poter garantire l’effettuazione dei servizi appaltati. Ad esempio, nell’attuale appalto in proroga è prevista la pulizia delle strade per un costo di oltre 150.000 euro (il riferimento è allo spazzamento meccanico, ndr), occorrerebbe verificare se poi effettivamente vengono eseguiti i servizi previsti in capitolato. Esamineremo con attenzione il capitolato e, nel caso dovesse essere approvato in consiglio comunale, cercheremo di suggerire le varie migliorie da apportare. Invitiamo i cittadini a fornire suggerimenti e proposte per garantirci tutti insieme una città pulita e decorosa degna di tale nome», è la conclusione di Leonardo Coco.