L’A.S.D. Polisportiva Sangiovannese alla conquista della terra di Spagna

Print Friendly, PDF & Email

Nota del presidente Giuseppe Merla.

Nella terra dei conquistadores, alcuni atleti dell’A.S.D. Polisportiva Sangiovannese hanno conquistato lo stato di maratoneti, qualcun’altro lo ha confermato, ma tutti insieme hanno conquistato la medaglia della 39esima “Maraton Valencia Trinidad Alfonso EDP”, a loro si sono aggiunti altri due atleti che hanno preso parte alla 10K, distanza dove è stato battuto il record mondiale su strada con 0:26:38 dall’Ugandese Cheptegei Joshua, mentre la Maratona è stata vinta dall’Etiope Alayew Kinde Atanaw con un tempo di tutto rispetto 2:03:51.

La Maratona di Valencia Trinidad Alfonso EDP quest’anno ha battuto di nuovo il record per i corridori classificati in una maratona spagnola con 21.654 arrivati dei 23,670 partecipanti. Finire una maratona è sempre una liberazione, da sacrifici, da ristrettezze alimentari, da rinunce, da fatiche e, nel momento in cui si passa sotto quell’arco dove c’è appeso un display che indica un tempo, qualsiasi esso sia e poi dopo che ti hanno appeso un pezzo di metallo al collo che ti sembra il gioiello più prezioso che abbia ricevuto, arriva una esplosione di emozioni, pianti, urla, salti, abbracci, complimenti, baci, genuflessioni.

Paolo Latiano, da veterano, alla fine delle 2h 54:27 esprimeva cosi il suo pensiero: ”Bellissima gara interpretata al meglio, avevo gamba e testa, stavo gestendo tutto al meglio, quando al 37° km, mi hanno tirato uno sgambetto e mi son dovuto fermare per crampi, ovviamente gestiti al meglio anche quelli, e per fortuna sono riuscito a perdere pochissimo! Il percorso lodevole, pubblico fantastico su tutto il percorso, accompagnato da bande musicali che animavano al meglio, facendo sentire sempre meno il senso della fatica. Che dire infine dell’arrivo, semplicemente magistrale”.

Gentile Sefora, alla sua prima esperienza, dopo 3h 39:42, si esprimeva “La mia prima maratona, un’esperienza bellissima, non ci credevo neanche io e forse non ci credo ancora. Ho cercato di attenermi più possibile alle disposizioni date dal nostro preparatore e come sempre è stato importantissimo. Che dire sono al settimo cielo, me la sono goduta dal primo all’ ultimo km. Grazie di cuore”.

Vernaci Massimiliano dopo 2h 59:41, felicissimo per essere sceso sotto le tre ore Ceddia Emanuele dopo 3h 11:01, soddisfatto per il suo miglior tempo. Prencipe Antonio dopo 3h 14:50, contento per aver migliorato il suo tempo migliore. Vergura Michele dopo 3h 32:49 alla sua prima maratona, molto tranquillo e pacato. Cusenza Gianluigi dopo 3h 37:14 euforico per aver superato il trauma in una sua prima precedente gara. Ruberto Nunzio dopo 3h 50:39 conquista il suo primo traguardo all’età di 57 anni. Fraticelli Matteo dopo 3h 58:01 si liberato dal dolore che affliggeva la sua gamba già da qualche giorno prima, ma ha voluto, caparbiamente portare a termine la sua avventura.

Infine per chiudere la fila degli atleti, i partecipanti della 10K, Refolo Francesco e Lanzilli Monia, testimoni del record mondiale su strada. Tutti gli atleti ringraziano calorosamente chi gli ha portati a questa conquista, il loro preparatore e motivatore, Matteo Ciociola, mentre insieme a tutta l’associazione ringraziamo il nostro prezioso collaboratore che ci ha sostenuti in questa avventura con i suoi consigli su una alimentazione per il benessere, “be good bio food” Sotto le Stelle. Infine calorosi complimenti agli atleti da parte del loro presidente per l’impegno e la dedizione che hanno messo nel preparare il tutto, come si suole dire tra i maratoneti, la gara diventa una passeggiata perchè i sacrifici si fanno prima.