Bomba contro centro anziani, Libera: “Nessun passo indietro”. Emiliano: “Massima attenzione”

Print Friendly, PDF & Email

“Davanti all’ennesimo atto dinamitardo  nessun passo indietro. Andremo avanti ancora con piu’ forza per  disinnescare la miccia della paura e della rassegnazione. Esprimiamo tutta la nostra solidale vicinanza  agli imprenditori vittime dell’ attentato. Non possiamo e non dobbiamo lasciare soli quei commercianti ed imprenditori che decidono di rompere il muro del silenzio. Proseguiamo sulla strada tracciata la sera del 10 gennaio, una mobilitazione a cui hanno partecipato in tanti, nata dal bisogno di affermare un’urgenza: quella di ricostruire insieme le fondamenta del nostro modo di essere cittadini e di abitare le città. Di dire basta alla rassegnazione, al silenzio complice, al vano parlare. Ridiventando insomma comunità, una comunità chiamata Italia. Alla luce dell’ultima bomba gridiamo forte : non sono ammesse diserzioni ma bisogna esserci, essere presenti per riappropriarci dei nostri spazi e dei nostri territori, mostrare fisicamente da quale parte si sta.” In una nota Libera commenta  così l’ennesimo atto dinamitardo a Foggia.

Intanto, a margine degli incontri istituzionali che si sono tenuti ieri e oggi a Foggia, il Presidente Emiliano ha confermato la massima attenzione al territorio dauno per contrastare il fenomeno della illegalità.

Il commissario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura – Annapaola Porzio oggi ha potuto apprezzare le azioni poste in essere dalla Regione Puglia in favore di una popolazione che da troppo tempo è sottomessa alle organizzazioni criminali ed al caporalato.L’istituzione di una foresteria a San Severo per 400 immigrati, di un fondo da 1 milione per le vittime della criminalità, di un fondo da 30 milioni per favorire l’accesso al credito alle imprese prive di garanzie bancarie ed il finanziamento, con il PON Sicurezza, di progetti di videosorveglianza in favore dei Comuni rappresentano concretamente le azioni del governo regionale sino ad oggi realizzate.

Per il prossimo futuro si è convenuto di voler estendere anche Foggia la sottoscrizione del patto per la sicurezza urbana, esperienza già realizzata positivamente a Bari e Lecce.