Strepitoso successo del concerto dell’Epifania al Teatro del “Giannone”

Print Friendly, PDF & Email

di Luigi CIAVARELLA.

Grande successo di pubblico alla terza edizione del concerto dell’epifania organizzato dall’Associazione “BorgoMagna” di Borgo Celano presso l’Auditorium del Teatro Giannone di San Marco in Lamis.

È stata una serata che ha visto brillare sul palcoscenico del teatro i maggiori cantanti ed interpreti del paese. Questo è il primo dato inconfutabile da rimarcare. Mai si era vista tanta partecipazione da parte dei maggiori protagonisti della scena musicale del paese. Perlomeno mai tutti insieme nello stesso posto. Da Mikalett, presente non soltanto nelle vesti di maestro di ballo ma soprattutto come cantante, sino a Maurizio Tancredi, che ha chiuso la serata, ci sono succeduti praticamente tutti. Ma andiamo per ordine.

Hanno cominciato i piccoli alunni delle classi quinte dell’I.C. San Giovanni Bosco-De Carolis guidati dal m° Michelangelo Martino alle tastiere, introducendo da subito una ventata di simpatia, seguiti da un insolito Maurizio Tancredi che ha declamato una sua poesia, quindi lo spettacolo è subito entrato nel vivo. Luigi Mossuto, l’ideatore dell’evento, ha presentato lo show in maniera impeccabile senza alcun cedimento per tutta la serata dimostrando di possedere tutte le qualità necessarie per svolgere questo compito. Lo stesso si può dire della macchina organizzativa, perfettamente coadiuvata, che, guidata dal suo direttore artistico Silvio Nardella, è riuscita a tenere alto il livello dello spettacolo. Uno spettacolo che nonostante la lunga durata ha soddisfatto in pieno le aspettative della gente accorsa numerosa sino ad occupare tutti i posti disponibili.

Possiamo dire che lo show ha avuto due anime: una prettamente intrattenitrice attraverso i balli coreografici delle scuole Swing Club, Daunia Dance, le Mujeres e il duo Elegancia Man Company di S. Paolo di Civitate e un’altra tipicamente musicale. Di questi ultimi due avevamo già apprezzato le loro doti artistiche durante il Talent del luglio scorso a Borgo Celano. A ciò vanno aggiunti un quartetto di sassofonisti provenienti dalla scuola S. Cecilia e la brava cantante Rachele Accadia che hanno fatto da apripista alle esibizioni delle voci autorevoli (comunque più note) del panorama musicale sammarchese.

Dicevamo di Mikalett. Il poliedrico artista ci ha deliziato di due canzoni del suo repertorio classico, fatto del tutto inedito: “Dolci ricordi” e “Come un robot”, entrambi provenienti dal suo primo CD “Mondo di sempre”; poi sono succedute le Mikyamy, (Michela Parisi e Ylenia Mangiacotti) un duo davvero esplosivo se non altro per la grande energia profusa sul palco, interpretando alla grande “Biancospino”, il loro successo più noto, più alcune altri seguite poi da quell’istrione di Ludovico Delle Vergini che con la sua tastiera e la compagnia di Pietro Giuliani alla chitarra elettrica ha eseguito alcune cover del suo cantante più amato, Lucio Dalla, incantando un po’ tutti me compreso. Ciro Iannacone è intervenuto insieme a Lucia Ruggieri, formando così un sodalizio che ha già prodotto l’incisione di un brano, “Ritmo naturale”, eseguito ieri sera in scena. Lucia ha inoltre interpretato un blues molto ispirato. Infine Maurizio con la sua band formata da Giandomenico Nardella al sax, Michele Parisi alla chitarra e Enzo Donatacci alla batteria, ha chiuso la serata sulle note di “Volare”.

Sin qui la cronaca. Bisogna aggiungere e sottolineare il grande sforzo compiuto dall’Associazione attraverso i suoi componenti più attivi che hanno permesso la realizzazione di questo progetto, giunto alla terza edizione, e già proiettato verso nuovi traguardi ancora più ambiziosi. Molti nomi hanno agito dietro le quinte, che andrebbero ringraziati tutti per il loro impegno: Antonio Parisi, il creativo responsabile dell’immagine del gruppo, Nicola Masullo, segretario, Michele D’Apote, Filippo Giuliani, etc. oltre, naturalmente, ad una certa befana, che è stata notata sul palcoscenico, nell’atto di accompagnare gli artisti, che ha rappresentato consapevolmente un po’ lo spirito della serata in maniera simpatica.