Coronavirus a San Marco in Lamis, legale medico San Severo: grave svista di Emiliano

Print Friendly, PDF & Email

«Ogni cittadino ha diritto a tutelare la sua immagine e professionalità. Il medico legale di San Severo, assolutamente non indagato di alcunchè, che ha effettuato l’accertamento diagnostico sulla salma del settantacinquenne poi deceduto, ha svolto con scrupolo il suo dovere, limitandosi, come documentalmente rappresentato alla A.S.L., ai soli rilievi medico-legali».

Lo dichiara in una nota apparsa su lagazzettadelmezzogiorno.it il legale del medico in servizio nella Asl di Foggia, l’avvocato Francesco Paolo Sisto.

«Egli non ha autorizzato il trasporto della salma né tantomeno le esequie, atti di competenza di altri soggetti. Sicchè la leggerezza con cui il Presidente Emiliano ha inteso “bollare” di grave negligenza l’operato del professionista va respinta al mittente, rincarando la dose: Emiliano ha commesso una svista, per lui catastrofica».

Queste le dichiarazioni dell’avvocato in merito al decesso dell’anziano avvenuto a San Marco in Lamis: dopo la morte si è scoperto che era positivo al Coronavirus.