In memoria di Angelo Gualano: «Vòle d’angelo»

Print Friendly, PDF & Email

di Luigi Ciavarella

Non abbiamo le parole giuste, questa volta, per commentare la commovente poesia di Antonio Villani, che ha composto d’impeto in seguito alla notizia della morte di Angelo Gualano, ragazzo meraviglioso, vittima di un incidente, mentre rincorreva i suoi sogni di libertà.

Né aggiungere commenti di circostanza davanti al motivo musicale che Ciro Iannacone, anch’egli commosso da questa immane, inaspettata tragedia, ha voluto dedicare a questo sfortunato ragazzo, se non il cordoglio, la vicinanza e l’abbraccio del Direttore e di tutta la Redazione di Sanmarcoinlamis.eu alla famiglia Gualano.

Vòle d’angelo

Vulà còme li vucèlle
madonna se jè bbelle,
te mine. E vùle, vùle,
pròpeta còme n’angele.

Te mine, e vùle, vùle
e tù te sinte nu figghie
dell’aria, e dde lù vente
e avvunite ce juche,

te mine, e vùle, vule,
pròpete còme n’angele,
e jinte e ttè tu sinte
muménte maravigghiuse.

Te sinte allécre e vverrute
e nnò nte mpònta nisciune,
te sinte còme li pènne
traspurtate dallu vènte.

La natura l’òme dòma
ma non sèmpe la cumanda,
specialmènte se nnò ll’ama
e rrèspette nò lì porta.

Chi nasce cu cquèdda nclina
j’ama, rèspetta. E sfida.
Ma non sèmpe ce pò vènce
e lù prèzz’è ttròppe care.

Antonio Villani
10 maggio 2020