Svolta epocale con Ecobonus 110%: «L’Italia riparte con un nuovo approccio economico basato sulla sostenibilità ambientale»

Print Friendly, PDF & Email

“L’Ecobonus 110% è una svolta epocale per il nostro Paese, targata M5S. La nostra stella ambientale risplende grazie a questa misura. Finalmente famiglie e Pmi potranno effettuare interventi di efficientamento energetico e di messa in sicurezza degli immobili, senza alcun esborso. Sarà possibile trasformare in crediti d’imposta le detrazioni oggi vigenti e quindi cedere l’importo della detrazione all’impresa o a terzi o addirittura ottenere lo sconto direttamente in fattura per la stessa cifra”.

È quanto dischiara l’onorevole del M5S Giorgio Lovecchio, segretario della Commissione Bilancio e membro della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati dopo il raddoppio dei vantaggi per privati ed imprese dati da Ecobonus 110%, presenti nel Decreto Rilancio.

“Isolamento termico delle facciate, noto come cappotto termico, gli interventi di sostituzione di impianti termici con pompe di calore e la sostituzione dei vecchi impianti a gasolio con quelli più efficienti in termini energetici sono tutti i lavori di manutenzione e innovazione di tipo energetico che saranno resi possibili da questa misura- prosegue il deputato pentastellato- Ma c’è anche di più. La misura consente il recupero del patrimonio edilizio con detrazione al 50%, ma solo per gli interventi di manutenzione ordinaria per i condomìni e straordinaria, la più diffusa in casa e in condominio, dal rifacimento impianti allo spostamento di pareti. Restano esclusi i lavori di restauro-risanamento, mentre invece c’è una ampia trattazione sui lavori del bonus facciate mai veramente partiti, inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna e agevolati al 90%”.

Continua il parlamentare: “Di vitale importanza sono gli interventi antisismici in generale, anche quelli indicati nel Decreto legge rilancio, con detrazione al 110% e la possibilità di installare impianti solari fotovoltaici, agevolati al 110% se rispondenti ai criteri del decreto. La misura permette anche l’installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, quanto mai essenziali oggi, dal momento che il distanziamento sociale potrebbe indurre ad un aumento del trasporto privato e dell’inquinamento delle nostre città”.

“L’Italia riparte con un nuovo approccio economico basato sulla sostenibilità ambientale. In questa fase di emergenza post pandemica occorre favorire la transizione ecologica, così come ha inteso in maniera lungimirante il nostro Governo Conte, incentivando il risparmio energetico e stimolando la crescita del settore produttivo, che creerà anche nuove occasioni di lavoro nei territori maggiormente colpiti dalla crisi da Covid-19, come il nostro Sud turistico”, conclude l’onorevole Lovecchio.