Témpe Bèlle e na Vota

Print Friendly, PDF & Email

Ecco l’ultima fatica letteraria di Alexis

Quanne jucavame allu pallone,

decevame che vencéva chi

arrevava a 5, ma accuscì

funiva subete e teravame fine

a quanne non ce vedéva nénte.

In porta non ce vuléva métte

nisciune e li porte deventavene

de nu metre e méze, jucavene

tutte, pure quidde che non

sciappavene.

Pe fa li squadre ascévene a

tocche li duua cchiù scarpone

e capavene a turne, june la

vota, lu jucatore cchiù brave

pe la propia squadra.

Accuscì, chi vencéva lu tocche

chiamava lu cchiù forte e po’

l’ati, sèmpe a turne, juna la vota,

li squadre jèvene equilibrate e

vinceva chi menava cchiù palate.

Joje, invece, li squadre li fanne

a chi tè cchiù solete, pe guadagnà

sulla pubblecetà pe talavesijone.

Témpe bèlle e na vota pecchè

non turnate?

Ma, propeta pecchè jè parlate de

joje, ve vogghie fa na dumanda:

si ascisse tu a tocche, chi capasse

Messi o Ronaldo?

Faceteme sapé.

Alexis
Poeta sammarchese