“Nu Bbonajjure”, nuova poesia di Antonio Villani

Print Friendly, PDF & Email

di Luigi Ciavarella

Tonino Villani continua a deliziarci con le sue liriche vernacolari aggiornando la sua poesia nel segno dell’attualità nefasta che ci sovrasta e le sue conseguenze (che ccì ànne sfasciate la vita gnignurne) poiché la pandemia da coronavirus è ancora tra noi anzi già si profilano all’orizzonte altri più pericolosi sviluppi di contagio.

Il poeta guarda alle sofferenze del momento (Frename la vòglia/ d’ascì dalla casa/ pecché fòr aggira/ n’aria maledetta) ma allo stesso tempo si affida al sogno di una speranza, (spèriame quist’anne/appèn arrevate;/sija na cerasa/appèna sciuruta) sempre presente nel cuore di un poeta come in ognuno di noi, di un futuro senza più l’oppressione della malattia che tante lutti e tanti disagi sta causando al mondo intero. (Nu sfòrze pedune/li nuvele vanne/Ci’ ajjaapre lu cèle/e ttòrna lu serine).