In attesa del Giro d’Italia

Print Friendly, PDF & Email

Tra pochi giorni la 102esima edizione del Giro d’Italia attraverserà anche San Marco. Ricordiamo una  delle maglie più famose tra i ciclisti: la Maglia Nera. In Italia dal 1946 al 1951 ci si poteva vantare di essere ultimi!! Almeno in senso sportivo, esattamente in ambito ciclistico. Nel Giro d’Italia di quegli anni, c’erano ciclisti che “facevano a gara” nell’arrivare ultimi in classifica. E il corridore che riusciva ad ottenere questa posizione durante quella competizione, indossava la Maglia Nera.

 Quello più “bravo” a presentarsi ultimo al traguardo nelle varie tappe del Giro d’Italia era Luigi Malabrocca (nella foto).

Non perché il Malabrocca fosse scarso: nella sua carriera da ciclista professionista vinse 15 gare su 138 corse, due campionati italiani di “ciclo campestre” (l’antenata della mountain bike). Ma lui aveva deciso così:  aveva scelto di essere un perdente.

Ma come faceva ad arrivare sempre ultimo? Non solo decideva di non andare veloce, ma per rallentare ulteriormente entrava nei bar (mentre gli altri ciclisti erano in fuga), e non ne usciva più. Oppure si nascondeva nei fienili.

Una volta si calò in un pozzo(!!??) e venne “ripescato” da un contadino, al quale spiegò il motivo di quel “sano” gesto: doveva assolutamente arrivare ultimo in quella tappa dolomitica. E ci riuscì. Nel tempo, dire: “indossare la Maglia Nera” è  diventato sinonimo di perdente, irrecuperabile, ultimo in assoluto. E questo modo di dire dura da 67 anni.

“L’Italia è maglia nera nell’economia”, “l’Italia è maglia nera nel tennis”, l’Italia è maglia nera nell’istruzione”, “L’Italia è maglia nera nell’informazione”. Sono tutti titoli di giornali che negli ultimi 10 anni abbiamo potuto leggere più volte. Purtroppo essere ultimi, o quasi, in tante categorie non è più un vanto, come poteva permettersi di fare il ciclista Malabrocca negli anni ’40.

Ma essere perdenti non può più essere una scelta “alternativa”, per farsi notare o per essere simpatici. Ma è una sconfitta vera e propria alla quale bisogna trovare rimedio. Fortunatamente non siamo Maglia Nera come accoglienza dei profughi, anche se negli ultimi tempi i controlli sono più capillari. Considerando che altri Stati europei se ne fregano di quelli che arrivano sistematicamente sulle coste italiane!!! (caxxi vostri…) Siamo bravi a “perdere” se dobbiamo pensare prima a tanta gente che arriva oltre il Canale di Sicilia, e poi ai tanti italiani che sono pensionati o disoccupati.

Noi italiani abbiamo l’inconsapevole orgoglio di essere ultimi in tante cose, ma non lo siamo assolutamente nel volontariato, nelle leggi, nella democrazia (forse ce n’è troppa). Siamo bravi a “perdere” se dobbiamo mettere da parte l’orgoglio e a volte anche la nostra dignità, a favore di gente molto più sfortunata di noi.

Siamo bravi a “perdere” se dobbiamo considerare prima coloro che hanno sbagliato (si chiama redenzione!!!), e poi (ma forse mai) a coloro che non hanno colpe, ma sono le vittime degli errori degli altri.

Siamo bravi a “perdere” quando accettiamo che lo stipendio dei politici e manager vari è di molto superiore a quelli di tanti lavoratori che hanno sudato una vita i propri soldi, per poi sopravvivere con meno di 1.000 euro al mese come pensione.

Siamo bravi a “perdere”… e non chiediamo mai una rivincita, perché sappiamo che la nostra Nazione è sempre vissuta nonostante le sconfitte.

La Maglia Nera del Giro d’Italia non ce l’ha copiata nessuno: sanno che solo noi italiani sappiamo come indossarla!!! Con orgoglio e tanta simpatia…

Mario Ciro Ciavarella Aurelio