Covid-19, “Moderati per San Marco” a Merla: «Più controlli, stop tributi e chiusura pomeridiana»

Print Friendly, PDF & Email

Rivedere l’ordinanza emanata dal primo cittadino Michele Merla circa la chiusura pomeridiana delle attività commerciali, potenziare le operazioni di vigilanza e di controllo nei confronti di chi si ostina ad uscire nonostante gli appelli a restare a casa e in barba alle norme contenute nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e, oltre alla sospensione degli obblighi di versamento dei tributi comunali (così come già evidenziato dal gruppo consiliare “San Marco nel cuore”), di porre in essere la sospensione delle attività di controllo, di riscossione e accertamento delle imposte e di quanto non espressamente richiamato nelle misure di sostegno emanate dal Governo centrale.

Queste, in estrema sintesi, le richieste inoltrate a Palazzo Badiale dai consiglieri comunali di minoranza Alessio Villani e Grazia Mossuto appartenenti al gruppo consiliare “Moderati per San Marco”.

«Si è già perso troppo tempo», hanno rimarcato con forza.

Azioni, del resto, già attuate da altri comuni della provincia (ad es. Vico del Gargano e San Severo) “per alleggerire la situazione di quanti, a causa dell’emergenza sanitaria in atto, si troverebbero in difficoltà a sostenere questa spesa”, ha spiegato il primo cittadino di Vico del Gargano, Michele Sementino.

“In relazione all’increscioso momento di emergenza sanitaria in atto – scrivono nella missiva odierna i due consiglieri sammarchesi vicini al partito politico Fratelli d’Italia targato Giorgia Meloni -, considerata la difficile congiuntura cui tutte le famiglie e le attività produttive e commerciali vivono in ordine all’osservanza delle opportune misure restrittive messe in atto dal Governo centrale per contenere la diffusione del virus; nel dovere morale, etico, politico e nel rispetto degli impegni assunti da tutti i gruppi consiliari nel perseguimento di obiettivi condivisi per affrontare l’emergenza epidemiologica COVID – 19; ritenuta la straordinaria necessità e urgenza di intensificare i controlli al fine di garantire il rispetto dell’ordine e della sicurezza in ambito cittadino; ritenuta imprescindibile l’esigenza di contenere gli assembramenti di persone in città, preservare la salute dei cittadini e dare attuazione al decreto governativo; vista l’improcrastinabile esigenza di salvaguardare i cittadini e le attività locali già sottoposti a dura prova socio-economica derivante dal difficile momento storico e oggi dall’emergenza epidemiologica COVID 19, valutando positivamente la proposta avanzata dai colleghi consiglieri del gruppo politico “San Marco nel Cuore”, esprimendo totale accordo e condivisione, impegnano il Sindaco e l’Amministrazione Comunale a richiedere a S.E. Sig. Prefetto di Foggia di attivare le misure di potenziamento degli operatori addetti alla sicurezza inviando rinforzi con lo scopo di effettuare le operazioni di vigilanza e controllo fino al termine dello stato di emergenza”.

Poi, per quanto attiene il provvedimento circa la chiusura pomeridiana degli esercizi commerciali autorizzati comunque alla vendita – decisione inizialmente condivisa dal gruppo consiliare, ma adesso giudicata inutile e controproducente alla luce degli assembramenti che essa ha prodotto – chiedono di “porre immediatamente rimedio alla emanata ORDINANZA N. 18 del 21 u.s., ripristinando gli orari di apertura degli esercizi commerciali autorizzati, consentendo ai cittadini di poter fruire responsabilmente del servizio senza necessariamente concentrare la propria esigenza di approvvigionamento di beni di necessità alla mattina e evitando interminabili file che obbligano di fatto a stanziare in assembramento in attesa del proprio turno”.

Infine la richiesta di “prevedere, oltre alla sospensione degli obblighi di versamento dei tributi comunali, la sospensione delle attività di controllo, di riscossione e accertamento, compresi i termini per dare risposta alle istanze di interpello e integrazione e di quant’altro compete al Comune in termini di tasse, canoni, imposte  non espressamente richiamato nelle misure di sostegno emanate da Governo centrale. I Consiglieri Comunali – concludono Villani e Mossuto – rinnovano la massima disponibilità nel perseguimento degli impegni assunti per la gestione di questa crisi e confidano nel positivo accoglimento delle proposte avanzate”.