Raffaele Nardella: “Prijiera de core”

Print Friendly, PDF & Email

PRIJERA DE CORE

E’ tutte alluvére e non è cosa ammentata
de ‘ssa malatía tutta l’Italia jé rumasta ‘nféttata
non ce sta nu remédie, pe mò, a quessa ‘nféziona
ce more e annaspa tutta la pupulaziona.

All’Italia de sópe de cchjù ha pigghjiate
Madò quanta mórte e quanta ‘nféttate.
Avoglia a dice statève reterate,
a quante la ciocca vo jesse ammateddata.

Madonna bella, regina de Stignane
A Te tu lu chiede, dacce n’aiute.
Allaria stu mante e dacce na mane
reparéce sotta, sule pe nú menute.

Ohi Sante Matté, tu che sta ‘mpusumate
chisà quanta vote ‘nvane c’aspettate.
Pe nua ieva scuntata la benedizione,
che te costa ‘ntercede pe luvà sta ‘nfeziona.

Ohi Sante che purte la croce de Criste
pé li peccate ce méretame pure quiste.
Oh San Pio patrone dellu Gargane, a te oremus
raccumannece a Dji e alluntana stu virus.

Ohi Sante Mechéle, tu l’Arcangele campione,
tu che a sconfitte li rebelle e lu demonie,
cu la velancia e la spata quante si belle
alluntana da nua quisse flagelle.

Ohi Madonna, Madonna Addulurata
quedda spata inte lu core maje te l’ime luvata.
Addummanna a tuo Figlio cu quall’orazione
ce putime accustà pé iesse perdunate.

Non fóche de léna ma fóche de core
quist’anne purtame alla precessiona.
Giaculatorie, resarie e avummaria
aiutece Tu e alluntana da nua sta malatia.

Raffaele Nardella
San Marco in Lamis, 19 marzo 2020


Ritorna la voce del poeta Raffaele Nardella e questa volta implora l’intervento dei santi protettori del paese, del nostro amato Gargano e di tutta l’Italia per “quessa ‘nfeziona e ce more e annaspa tutta la popolazione”.

Nella dura battaglia contro questo terribile morbo egli chiede anzi supplica l’intervento divino attraverso l’intercettazione dei nostri santi a noi più vicini e sentiti con grande devozione da tutta la comunità. La Madonna bella, regina de Stignane, fu da sempre protettrice di questa valle a cui il poeta le rivolge una preghiera affettuosa per ottenere una grazia (Allaria stu mante e dacce na mano); a san Matteo Apostolo, che dall’alto del suo santuario domina la valle, (Che te costa ‘ntercede pe luvà sta ‘nfeziona) ; san Pio (Patrono dellu Gargane) affinché allontani il male, all’Arcangelo San Michele a cui Raffaele Nardella è particolarmente devoto rivolge una supplica speciale poiché la figura del santo rappresenta da secoli per queste nostre terre la luce protettrice del bene che scaccia il demonio del male.

Ed infine il poeta, con tenerezza, ardore e speranza, guarda alla figura della Madonna Addolorata come ad una Madre misericordiosa, forse il suo pensiero più bello e toccante (Quedda spata inte lu core maje te l’i’ima luvata/Addumanna a tuo figlio cu quall’orazione/ce pitime accustà pe iesse perdunate).

Luigi Ciavarella