San Marco in Lamis: non solo Covid-19, al via una serie di cantieri in città

Print Friendly, PDF & Email

L’emergenza Covid-19 non ferma l’attività amministrativa della giunta guidata da Michele Merla.

Infatti è di ieri la notizia circa l’assegnazione della gara (alla ditta “2GI COSTRUZIONI s. r. l.” di San Marco in Lamis) finalizzata all’adeguamento sismico e la messa in sicurezza dell’edificio scolastico “Francesca De Carolis” per l’importo di 650 mila euro. Assegnati inoltre anche i lavori per la costruzione dei nuovi loculi (gara che vale circa un milione di euro) alla ditta “Cetola” di Motta Montecorvino.

“Prosegue incessante il lavoro degli uffici e dell’amministrazione non solo per far fronte alle problematiche relative all’emergenza sanitaria, ma anche nel proseguire la realizzazione della programmazione fatta in questi anni”, riferisce soddisfatto il primo cittadino.

“Nei prossimi giorni – aggiunge – saranno assegnate, perché pronte, quelle relative alla palestra F. De Carolis, la Rigenerazione Urbana, quella per la messa in sicurezza della Provinciale 48 e il Centro Anziani. Inoltre, ieri, sono state nominate le archiviste per la Balilla per la quale è pronto il contratto e si sta elaborando il progetto da presentare alla sovrintendenza, così pure per i lavori di messa in sicurezza di Palazzo Badiale”.

Intanto, anche il CIS (Contratto istituzionale di sviluppo per la Capitanata) ha avviato circa 2 settimane fa la gara per i servizi tecnici utili a realizzare il piano di insediamento produttivo di Borgo Celano.

“La speranza – spiega ancora Merla – è quella di iniziare molti dei lavori subito dopo o, addirittura durante l’emergenza, per far fronte alle esigenze delle famiglie e delle imprese, che sicuramente entreranno in sofferenza a causa della prolungato periodo di crisi che inevitabilmente seguirà a causa del Covid-19. La prossima settimana – infine – verranno completati i dissuasori in Via della Repubblica e in Via la Piscopia”, chiosa il primo cittadino.