L’appello di De Leonardis: «Riaprire subito barbieri e parrucchieri in Puglia, per scoraggiare “nero” nelle abitazioni»

Print Friendly, PDF & Email

“Riaprire parrucchieri e barbieri, penalizzati nonostante il lavoro in sicurezza”. È quanto si legge in una nota del vicepresidente del Consiglio regionale e consigliere regionale Giannicola De Leonardis.

“In Puglia la situazione dei contagi è critica, più che altrove a livello nazionale, ma il perdurare di determinate restrizioni appare comunque ingiustificato e penalizzante in particolare per determinate categorie, come parrucchieri e barbieri. I quali si sono adeguati alle direttive imposte per la riapertura conseguente al primo lockdown, e hanno svolto per tanti mesi e continuavano a svolgere la propria attività in piena sicurezza, sanificando continuamente l’ambiente di lavoro, garantendo il distanziamento attraverso le prenotazioni e gli appuntamenti, provvedendo al controllo della temperatura all’ingresso.

Non risultano, infatti, contagi o focolai in questo ambito: perché allora mettere in ginocchio tanti professionisti che devono provvedere, oltre al mantenimento della propria famiglia, a ingenti spese per l’attività, dal fitto dei locali alle varie tassazioni, al pagamento dei fornitori e delle fatture, e per i quali i ristori – quando verranno erogati – rappresentano e rappresenteranno una quota irrisoria rispetto alle reali necessità ed esigenze?”

“Tra l’altro, il perdurare della chiusura imposta sta favorendo lo svolgimento dell’attività in nero presso abitazioni private, con la beffa di mancati versamenti per l’erario e dell’aumento del rischio potenziale di contagio. Per questo presenterò una mozione perché la Regione Puglia, in sede di Conferenza Stato-Regioni, impegni il Governo nazionale a rivedere questa decisione che appare difficilmente comprensibile, e che potrebbe ammettere eccezioni come per esempio la riapertura con accesso consentito almeno alla platea dei vaccinati” – ha concluso De Leonardis.