San Marco in Lamis, “mannaia” sul Laboratorio Analisi: opposizione chiede consiglio comunale urgente

Print Friendly, PDF & Email

Archiviati i festeggiamenti per l’attivazione del PTA di San Marco in Lamis, arriva la “mannaia” del riordino sui laboratori di analisi pubblici della Regione Puglia. E mentre il governo cittadino per il momento non ha rilasciato commenti, ad insorgere è l’opposizione che oggi ha chiesto la convocazione urgente del Consiglio Comunale «per discutere e per deliberare sul “Mantenimento del Laboratorio di Analisi presso il PTA Umberto I° di San Marco in Lamis”»

Opposizione sul piede di guerra, a San Marco in Lamis. E questo per via della riorganizzazione dei Laboratori di Analisi pubblici della Regione Puglia, frutto “di atti e accordi amministrativi nazionali partiti nel 2009 con il Comitato per la verifica dell’erogazione dei LEA e culminato nel 2011, quando la Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano ha sancito l’accordo sul documento recante i “Criteri per la riorganizzazione delle reti di offerta di diagnostica di laboratorio”.

Come riferito in precedenza, la riorganizzazione partirà dal 1° gennaio 2019. In sintesi, il Laboratorio Analisi di San Marco in Lamis sarà declassato a Centro Prelievo Territoriale deputato all’esecuzione di prelievi ematologici o microbiologici da trasferire al Laboratorio Hub di San Severo.

Tutto ciò “penalizzando non solo il personale che sarà oggetto di trasferimento in altre sedi, ma soprattutto i cittadini che si attendono miglioramenti nei servizi e non disagi e pregiudizi per la salute”. È quanto si legge nella richiesta di convocazione urgente della massima assise cittadina avanzata dai Consiglieri Comunali di “San Marco nel cuore” Pasquale Spagnoli, Nicola Potenza, Michele Ruggieri, Antonietta Siciliano e dal portavoce del Movimento 5 Stelle, Leonardo Coco.

Inoltre, argomentano ancora dall’opposizione “il Laboratorio di Analisi di San Marco in Lamis è tra i più attivi della provincia di Foggia con più di 30.000 accessi/anno, servendo non solo il territorio cittadino ma anche l’intero promontorio garganico, con esami effettuati al momento per determinate patologie. Si ritiene necessario, quindi, – conclude la minoranza – che il Consiglio Comunale affronti la questione in via di urgenza e tanto al fine di agire nei confronti della Regione Puglia per difendere le ragioni al mantenimento del Laboratorio Analisi nel PTA di San Marco in Lamis”.