Chiusura laboratori analisi, unanime contrarietà dei sindaci

Vertice ieri, come già riferito, presso l’Asl dove il Direttore Generale Vito Piazzolla, affiancato dal Direttore Sanitario Alessandro Scelzi e dal Direttore Amministrativo Ivan Vigna­no, ha illustrato il piano e il relativo pro­gramma operativo, frutto di una pianifica­zione dettagliata che punta a ridurre al mi­nimo, sino ad azzerare, le possibili criticità in modo da non arrecare danni e disagi ai cittadini.

«Le sollecitazioni pervenute dai sindaci sono state recepite. Il programma di rior­ganizzazione, pertanto, mantiene immutate le attività di prelievo e la loro frequenza per i 56 punti territoriali. Rimodula, inoltre, l’organizzazione dei prelievi nei 5 laboratori in chiusura aumentando i giorni di attività ini­zialmente previsti e assicurando, in tal mo­do, il servizio dal lunedì al venerdì. Stiamo cercando le soluzioni migliori per i cittadini. È per questo che ci impegniamo a mantenere nei laboratori in dismissione di Foggia, Tor­remaggiore, San Marco in Lamis, Vico del Gargano e Vieste la stessa frequenza delle attività di prelievo», ha spiegato Piazzolla. I laboratori convertiti in punti prelievi saranno incardinati nelle attività distrettua­li. Questo permetterà di usufruire dei finan­ziamenti FESR (dedicati alla assistenza ter­ritoriale) con i quali l’Azienda potrà acqui­stare ulteriori tecnologie come i minilab e gli automezzi per il trasporto dei campioni bio­logici, dotati di frigoriferi e kit di trasporto. «La riorganizzazione sarà effettuata in modo graduale. La direzione sta già pre­disponendo delle simulazioni per verificare la piena fattibilità dei percorsi stabiliti in modo che tutto risulti perfettamente fun­zionale. I cittadini saranno agevolati nel ri­tiro dei referti dalla attivazione del “Portale dei referti del cittadino della ASL Foggia”. Mediante l’inserimento del codice fiscale e del numero di identificazione del referto ricevuto al momento dell’accettazione, potran­no effettuare l’accesso al sistema di ritiro referti già da fine gennaio», sottolinea Piaz­zolla.

“A nome dei sindaci della provincia di Foggia rinnovo il dissenso del territorio rispetto alla deliberazione con la quale la Giunta regionale ha disposto la chiusura dei laboratori di analisi territoriali, dirottando le ricerche di laboratorio presso le strutture presenti all’interno dei presidi ospedalieri.» Così il sindaco di Foggia, Franco Landella, a conclusione della riunione dei sindaci della Capitanata tenuta ieri a Palazzo di città a Foggia. «Nel corso della Conferenza dei Sindaci da me presieduta, ho avuto la possibilità di riscontrare l’unanime contrarierà dei primi cittadini nei confronti di una decisione che prefigura uno scenario di difficile attuazione, oltre che particolarmente lesivo, in termini operativi, delle esigenze delle comunità. Nel novembre scorso avevo espresso l’urgenza di una radicale correzione di rotta circa il provvedimento varato dal governo regionale. Rinnovo questa richiesta, facendomi portavoce di una necessità che i miei colleghi hanno manifestato in modo fermo e deciso. Una decisione, quella dalla Giunta regionale, assunta peraltro in assenza di un confronto con il territorio, se è vero che l’orientamento poi declinato nella deliberazione non è mai stato esaminato dalla Commissione regionale di cui fanno parte i sindaci dei comuni capoluogo, nella loro veste di presidenti delle Conferenze dei Sindaci provinciali», afferma Landella che aggiunge: «La chiusura dei laboratori di analisi rischia concretamente di produrre un duplice effetto negativo: per un verso congestionare l’attività delle strutture ospedaliere e per l’altro creare significativi disagi logistici, in ragione della condizione estremamente precaria delle nostre arterie provinciali che collegano i piccoli centri ai Comuni in cui sarebbero trasferite le ricerche di laboratorio». «Le difficoltà di spostamento, infatti, sarebbero interamente scaricate sulle spalle dei cittadini, chiamati nei casi limite a dover ripetere i prelievi o a non poter disporre in tempi congrui dei risultati. Gli errori di valutazione della Regione Puglia non possono essere pagati dalle comunità, tanto più in un ambito delicato come quello che investe il diritto alla salute. È di tutta evidenza che è fondamentale un incontro immediato con il Governatore Michele Emiliano, per affrontare dettagliatamente le criticità cui il provvedimento espone i cittadini della Capitanata. Non è possibile perdere altro tempo. Occorrono percorsi partecipati e correttivi concretamente risolutivi», conclude il sindaco di Foggia.