Maxi sequestro sul Gargano: bombe, lanciarazzi e quasi 2.000 pallottole. Un arresto

Print Friendly, PDF & Email

L’intervento dell’Arma dei Carabinieri a San Giovanni Rotondo, recuperata anche cocaina. In manette pregiudicato 41enne.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno tratto in arresto F. P., 41enne pregiudicato nullafacente del posto, resosi responsabile di confezionamento e detenzione illegale di micidiali ordigni esplosivi e di detenzione illegale di armi e munizioni.

I carabinieri, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi a seguito della commissione di alcuni reati che hanno recentemente creato allarme nella città di San Pio, mirati in particolare al monitoraggio dei pregiudicati per reati specifici, al termine di un lungo servizio di osservazione, sono intervenuti presso l’abitazione del 41enne, rinvenendo tre micidiali ordigni esplosivi di fattura artigianale, completi di miccia a lenta combustione, del peso di circa un chilo ciascuno, due pistole lanciarazzi prive di marca e matricola, complete di 44 cartucce, circa 1800 tra proiettili e bossoli e due barattoli di polvere da sparo per il confezionamento di cartucce di vario calibro. Sono anche stati sequestrati due fumogeni, altrettanti razzi da segnalazione, un passamontagna ed attrezzi atti allo scasso, oltre ad una modica quantità di cocaina.

Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro. Per il disinnesco degli ordigni, considerati estremamente pericolosi, è stato necessario l’intervento di personale specializzato del Nucleo Artificieri.

Sono ora in corso accertamenti per verificare l’eventuale coinvolgimento dell’arrestato nei recenti avvenimenti di cronaca, che hanno coinvolto il comune di San Giovanni Rotondo ed in particolare quelli in cui sono stati utilizzati esplosivi. F. P., al termine delle operazioni di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. (immediato.net)