San Giovanni Rotondo, da domani a domenica il Volontariato parla pugliese

Print Friendly, PDF & Email

Presentato il programma del raduno nazionale in programma da domani a San Giovanni Rotondo

“E’ un momento  di straordinaria, entusiasmante attività   quello in cui  ospitiamo a San Giovanni Rotondo il Raduno nazionale delle Associazioni di Volontariato. Ma forse  “ ospitiamo” non è il termine più adatto visto che  san Pio da Pietralcina è il Patrono delle associazioni di Volontariato che a San Giovanni Rotondo, sono dunque a casa propria.” Avvia così la conferenza stampa di  presentazione del Raduno Nazionale di Protezione Civile, che  si svolgerà a partire da domani,  Antonio Nunziante, vice Presidente della Regione con delega alla  Protezione Civile.

“Nel corso di queste giornate, fatte  di esercitazioni in comune e  di fasi dedicate  all’approfondimento, celebreremo un gemellaggio con la Regione Campania per l’accoglienza post evacuazione della popolazione esposta a rischi vulcanici. Eventi che  speriamo non debbano mai essere registrati: ma  la storia ci insegna che essere impreparati davanti ad un’emergenza, significa farla diventare  una tragedia. Quindi  dobbiamo essere preparati . Proprio in questi giorni, si sta svolgendo a Bari un altro importante  appuntamento di Protezione Civile: l’I-STORMS, un progetto inserito nel programma Interreg e al quale sono chiamati i volontari delle regioni costiere per stabilire un protocollo comune contro le mareggiate.

“Ma, tornando al nostro Raduno, sarà l’occasione per annunciare la nascita  di un numero  europeo comune  contro le emergenze di ogni tipo: il 112.  La Regione ha già adottato una delibera ed assumerà 130 persone per la gestione del numero unico, 80 già entro la fine di quest’anno. Sarà inoltre potenziata anche la sala operativa della Protezione Civile e presto partiranno i bandi riservati agli Enti locali per attuare le linee guida regionali, approvate recentemente, con uno stanziamento complessivo di 5 milioni di euro.

“Insomma –  ha detto Nunziante- cresce la consapevolezza dei cittadini  e di pari passo , il numero  e la formazione dei Volontari”.

Da domani, venerdì 14 giugno, a domenica 16 giugno sarà la capitale italiana della Protezione Civile. A San Giovanni Rotondo, infatti, si terrà il Raduno Nazionale del Volontariato di Protezione Civile “Ut Unum sint”. L’ultimo raduno si tenne dieci anni fa, nel 2009, in Lombardia.

 “Ci tenevamo ad ospitare questo grande evento nazionale perché i nostri volontari rappresentano un modello di riferimento in Italia”, ha detto stamattina, nel corso di una conferenza stampa, Ruggiero Mennea, presidente del comitato regionale permanente di Protezione Civile regionale, delegato dal Governatore. “I nostri ragazzi fanno parte del modulo europeo antincendio, che fa scuola in tutto il mondo. Con questa grande iniziativa intendiamo intanto dare l’opportunità a tutto il sistema della Protezione Civile e ai rappresentanti degli Enti locali, Sindaci e Presidenti di Provincia in primis, di esprimere la gratitudine ai volontari, sempre presenti nelle emergenze, dalle più piccole a quelle più grandi. E poi volevamo offrire l’opportunità ai volontari di partecipare ad un momento di alta specializzazione. Nel corso della tre giorni, infatti, si terranno alcuni corsi di alta formazione ed esercitazioni. Vogliamo che i nostri volontari diventino veri professionisti, anche perché la loro professionalizzazione rappresenta una garanzia per tutti noi”.

A proposito di antincendio, nel corso della tre giorni di San Giovanni Rotondo saranno rilasciate le certificazioni mediche di abilitazione per chi vuole partecipare alla campagna antincendi boschivi.

Al raduno si sono già iscritte più di 1.000 persone, ma il Comitato regionale permanente di Protezione Civile si aspetta una partecipazione persino maggiore. Arriveranno da tutte le regioni d’Italia e con loro, al seguito, le famiglie. Ai volontari sarà dedicata la fiaccolata in programma sabato sera e la sfilata che invece si terrà domenica mattina prima della Messa solenne.

“Per questo grande raduno”, conclude Ruggiero Mennea, “siamo riusciti a mettere insieme le quattro grandi strutture operative nazionali, Croce Rossa, Anpass, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e le Misericordie. E’ la migliore rappresentazione dello slogan che abbiamo scelto per questo raduno: Ut Unum sint, siamo una cosa sola. E’ questa l’immagine che offriremo all’Italia intera nei tre giorni di San Giovanni Rotondo”.

A margine della conferenza stampa è stato ricordato che la Protezione Civile regionale ha messo a disposizione dei volontari una piattaforma di registrazione sul web:www.rnvpcpuglia2019.com/iscriviti. E’ inoltre possibile iscriversi ai vari corsi seguendo altri link: Colonna Mobile (www.rnvpcpuglia2019.com/corso-colonnamobile), Psicologia dell’Emergenza (www.rnvpcpuglia2019.com/psicologiadellemergenza), A.I.B. Avanzato (www.rnvpcpuglia2019.com/corsoaibavanzato).