San Marco in Lamis, Centrodestra: «Per il Sindaco è solo una questione di numeri»

Print Friendly, PDF & Email

In prossimità del Question time previsto domani in Consiglio comunale, dove l’amministrazione Merla sarà chiamata a rispondere a ben 17 interrogazioni della minoranza (la prima risale al 20/12/2019 – vedi ordine del giorno), intervengono compatti i partiti di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, rappresentati rispettivamente da Donato Pio Tenace, Raffaele Daniele e dal consigliere comunale Alessio Villani, quest’ultimo promotore del nascente Coordinamento del centrodestra cittadino. Casus belli la scarsa trasparenza della Giunta in carica: «Auspichiamo  – si legge nella nota diffusa alla stampa – che si pubblichino al più presto le registrazioni video dei consigli passati e che d’ora in poi si adottino tutte le possibili azioni per informare i cittadini»

«Sono due le assemblee pubbliche convocate nell’ultimo periodo e alle quali, ad oggi, non è stata comunque garantita la partecipazione ai cittadini. Due Consigli comunali “a porte chiuse”: il 14 maggio in videoconferenza e il 30 giugno in aula consiliare.

Capiamo le contingenze del momento legate al COVID e allo stesso modo vorremmo sapere che fine hanno fatto le registrazioni ufficiali eseguite e che il comune doveva pubblicare sulla pagina istituzionale dell’ente: un impegno assunto personalmente dal Presidente del Consiglio comunale Emanuele Leggieri per tutelare la legge sulla trasparenza e la richiesta della minoranza.

Evidentemente si fa finta di non sapere che il Consiglio comunale è il massimo organo istituzionale del comune ed è rappresentativo della collettività, in quanto è eletto direttamente dai cittadini.

Tutto questo, ovviamente, lontano dagli occhi dei cittadini, ritenuti sempre più indiscreti, e in armonia con la mancanza assoluta di rispetto e considerazione per il consesso consiliare e per il Presidente che lo rappresenta con l’impegno principale di tutelarne la dignità delle sue prerogative stabilite dalla legge, dallo statuto e dal regolamento.

È inoltre risaputo che al Consiglio comunale spettano le funzioni di indirizzo e controllo politico-amministrativo del comune!

Non v’è infatti alcun dubbio che tra il Consiglio comunale e la Giunta comunale debba sempre esserci la più ampia collaborazione e che entrambi debbano avere sempre ben presente che l’interesse sotteso è quello della collettività amministrata la quale si aspetta la perfetta osservanza del principio chiaramente sancito dall’art. 97 della Costituzione, sul «buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione».

Su questo altro punto registriamo purtroppo che il Consiglio comunale viene spesso esautorato delle proprie funzioni e che è diventato un mero adempimento burocratico e quando proprio non si può fare a meno è comunque garantita la maggioranza: tutti allineati e coperti ad alzare la mano segnando di fatto l’annullamento della democrazia e il rispetto delle istituzioni.

Nonostante tutto siamo comunque fiduciosi che il Presidente del Consiglio Emanuele Leggieri, ponga fine a questo modus operandi quanto meno discutibile e illegittimo tanto che le minoranze sono state costrette ad abbandonare l’aula consiliare in segno di protesta.

Compete alla Sua capacità ed alla preparazione far sì che l’organo in cui risiede la sovranità popolare eserciti il ruolo che gli spetta.

Vigileremo su tutto ciò e auspichiamo inoltre che si pubblichino al più presto le registrazioni video dei consigli passati e che d’ora in poi si adottino tutte le possibili azioni per informare i cittadini circa la convocazione dei Consigli comunali, ove, sicuramente presenziando a tali riunioni, rivestiranno il ruolo di «osservatori» dell’operato dell’amministrazione e assumeranno il ruolo di «giurati» allorquando saranno chiamati ad emettere il loro «verdetto», in occasione delle elezioni per il rinnovo degli organi», concludono le segreterie cittadine di Fratelli di Italia, Forza Italia e Lega.