“TEMPE MALATE”, una nuova poesia vernacolare di Antonio Villani sul Covid

Print Friendly, PDF & Email

di Luigi Ciavarella

Stiamo attraversando una nuova fase della pandemia, dopo la tregua estiva, forse ancora più insidiosa rispetto al passato anche se non sembrerebbe avere i tratti drammatici della prima ora. Almeno sino a questo momento poiché su questi argomenti, come la storia ci insegna, tutto può accadere.

Antonio Villani, il poeta vernacolare sammarchese, ritorna con Tempe Malate, una nuova poesia, dopo una breve pausa, a parlarci di Covid, rispolverando il consueto lessico a noi familiare aggiornato però ai tempi nuovi che stiamo attraversando. Una fase nuova che richiede attenzione e rispetto delle regole. Regole che inevitabilmente cambiano i nostri comportamenti, l’approccio e persino le nostre identità poiché la mascherina, che ci viene obbligata di indossare, ci trasfigura inesorabilmente l’aspetto esteriore.

Il poeta avverte questo disagio come segno dei tempi, la mascherina che copre il viso nasconde i particolari del volto, la bellezza, il sorriso (“Li labbra ji, chiù non vède,/lu ròssétte che lì mitte/còme pure lu vise bbèlle/cu lu nase alla francèse”) e persino la voce si trasforma (“Mò la voce jè nàsale/se là maschera purtame”) cancellando così i tratti identitari della personalità di ciascuno con irrispettosa risolutezza. Ma Tonino Villani, tra scherno e divertimento, pone l’accento anche sull’altro elemento della normativa, il distanziamento interpersonale (“Mò lu mètre purte ntasca,/e nnò mme fa avvucenà./E sse nu mite ha da fà,/cumpagnija non cia dà sta.”) sottolineando l’aspetto surreale del momento eppure necessario per combattere il contagio.


Témpe malate
di Antonio Villani

Li labbra ji, chiù non vède,

lu ròssétte che lì mitte.

Còme pure lu vise bbèlle

cu lu nase alla francèse.

Mò la voce jè nàsale

se là maschera purtame;

e ll’òcchiera sònn’ afflitte

pe màncanza de surrise.

Va tte para mòffalanne

quanne mbacce parlavame.

Sentevame lu resòrie,

a ll’aròma dellu cafè.

Mò lu mètre purte ntasca,

e nnò mme fa avvucenà.

E sse nu mite ha da fà,

cumpagnija non cia dà sta.

Che bbèlle jèva nu sònne

sule sule ijè e tté,

Ma purtave cacche ssòre,

e lù sònne ce frajava.

Sule, sule ije e tté,

ncasa j’ènne nu murttòrie.

E ss’ima svagà nu pòche

li sruvizia c’ima sparte.

Cia nguajate stu virus,

stame quasa carcerate,

e sse mpòrta lu sestèma

non aggira chiù na rota.

Se cce fèrma lu sestèma

reschiame pure la fame.

Ejima paré rumite,

cu ll’urtecedde atturne.