San Marco in Lamis, va dal medico nonostante positivo: ambulatorio prima chiuso e poi sanificato

Print Friendly, PDF & Email

Significativo quanto sarcastico l’avviso attaccato sulla saracinesca di uno studio medico: “Per questo spiacevole disguido dobbiamo ringraziare una persona che nonostante positivo andava in giro venendo anche allo studio”.

Ha davvero dell’incredibile quanto successo nei giorni scorsi a San Marco in Lamis. Ed ancor più sorprendente è la circostanza con cui questa vicenda è venuta alla ribalta, ovvero tramite un foglio A4 affisso proprio sulla serranda dello studio medico in questione.

“Si avvisano i gentili clienti che per motivi di sicurezza (disinfestazione) lo studio oggi rimane chiuso, riapre domani pomeriggio. Per questo spiacevole disguido dobbiamo ringraziare una persona che nonostante positivo andava in giro venendo anche allo studio è quanto scritto sul foglio attaccato alla saracinesca del noto ambulatorio.

L’”accusa” è chiara e lo scellerato atto è anche penalmente, e severamente, punibile. Un gesto sciagurato in uno dei periodi storici più delicati per il centro garganico bersagliato dai numerosissimi casi di positività (anche se il sindaco ha affermato ieri essere in calo) e da un numero elevato pagato in termini di vittime, le quali avrebbero superato abbondantemente le venti unità.

Un atto iniquo (il caso sarebbe stato denunciato alle autorità competenti) che oltre al disservizio procurato potrebbe portare a conseguenze ancor più gravi visto il potenziale numero di persone con cui il positivo è venuto a contatto, senza contare che lo stesso potrebbe aver “tranquillamente” girato la città (come si legge sul foglietto) in negozi, mezzi di trasporto, farmacie o altri esercizi commerciali contagiando un numero potenzialmente amplissimo di persone.

La speranza è che quanto accaduto resti un episodio del tutto isolato, nonostante voci di viale parlino di casi analoghi (o simili) piuttosto frequenti in città. Non è certo il momento di comportarsi egoisticamente alla luce anche di quanto dichiarato proprio ieri dal presidente della Regione Emiliano il quale ha affermato che in Puglia la situazione sta diventando ogni giorno più grave!