Opposizione unita contro il silenzio del sindaco: «Merla, se ci sei batti un colpo»

Print Friendly, PDF & Email

Nota a cura dei Consiglieri Comunali Leonardo Coco, Grazia Mossuto, Nicola Potenza, Michele Ruggieri, Antonietta Siciliano, Alessio Villani e Antonella Villani

Cari cittadini, ma la nostra San Marco ha veramente bisogno di tutto questo assordante silenzio?

Nell’ambito dello svolgimento della nostra attività amministrativa di consiglieri comunali, nonostante le continue esortazioni formali e non, le proposte e i suggerimenti utili per la collettività, specie in questa particolare circostanza, continuiamo, nostro malgrado, a registrare da parte del Sindaco atteggiamenti di totale ostracismo ed indifferenza che ci impediscono di esercitare in modo “normale” la nostra attività istituzionale di controllo politico – amministrativo.

Diverse sono le nostre innumerevoli richieste e proposte che giacciono da mesi volutamente in qualche cassetto in attesa di essere lette, altrimenti non si giustificherebbe tanta latenza ed indifferenza rispetto a gravi ed indifferibili problemi puntualmente segnalati.

C’è bisogno di dire come stanno le cose, di acquisire consapevolezza che ciò che si gestisce è “cosa pubblica”, di assicurare ai cittadini il diritto di essere adeguatamente informati e a noi consiglieri comunali garantire la possibilità di accesso a tutti gli atti e documenti, nonché di aver riscontro alle nostre interrogazioni e interpellanze presentate (vedia allegati).

Per dovere istituzionale, politico e morale siamo come sempre pronti a garantire il nostro impegno e condanniamo con forza questo modo di intendere la gestione della cosa pubblica. Il nostro ruolo, la nostra serietà, la nostra dignità ci impongono di prendere le distanze da questo modo di fare politica e di sensibilizzare l’amministrazione a fare meglio, a dare delle risposte alle tante domande dei cittadini e soprattutto a far chiarezza laddove si preferisce il silenzio!

Le sedute del Consiglio Comunale, massimo organo istituzionale del comune, sono diventate esclusivamente dei meri momenti di adempimenti burocratici, di alzate di mano e nulla più. Puntualmente si convoca il Consiglio Comunale soltanto quando si è obbligati da scadenze e adempimenti imposti dalla legge e soprattutto lontano dagli indiscreti occhi dei cittadini! Sempre la stessa storia! Ieri in aula, domani in videoconferenza, purché lontani da occhi indiscreti!

Domani ci sarà l’ennesimo consiglio comunale “pro-forma”. Due gli ordini del giorno proposti dalla maggioranza: nomina del nuovo revisore dei conti per il triennio 2020/2022 e approvazione dello schema di convenzione tra il comune di San Marco in Lamis ed il consorzio G.E.V (Guardie Ecologiche Volontarie) per la tutela ambientale.

In uno storico momento di crisi, questo è quello che l’amministrazione Merla reputa oggi importante affrontare per il bene e per il futuro di San Marco.

Domani, per dovere istituzionale, nonostante tutto, saremo presenti in Consiglio Comunale e sosterremo con determinazione la trattazione delle inevase richieste presenti agli atti. Allo scopo abbiamo richiesto di integrare l’ordine del giorno con altri due importanti argomenti: comunicazioni del Sindaco ed interrogazioni e interpellanze.

Solleciteremo ancora una volta la maggioranza a rispondere alle nostre domande ed inviteremo il Sindaco a riferire ai cittadini e a motivare il suo atteggiamento. Lo faremo con tutta la nostra forza! È il momento di dire basta alle futili motivazioni sino ad ora addotte.

Il Sindaco, che si è sempre riservato di approfondire le questioni, dopo tutto questo tempo di “approfondimento”, secondo voi avrà “realmente” capito come stanno le cose e quindi preferirà rispondere o rimanere ancora in silenzio?

Il silenzio è vuoto, il silenzio è assenza di parole e di volontà di comunicare, il silenzio serve per nascondere.

Invitiamo, infine, l’Amministrazione Comunale a trasmettere la seduta del Consiglio Comunale di domani in diretta sul sito istituzionale o sulla pagina facebook del Comune di San Marco in Lamis, visto che la stessa avverrà in videoconferenza, per dare la possibilità a tutti i cittadini di assistere all’incontro.

Allegati: