Ricordo di Pasquale Soccio nel ventennale della morte

Print Friendly, PDF & Email

Lo rende noto la Fondazione “Pasquale e Angelo Soccio”

Il 4 febbraio p.v. ricorre il ventennale della morte del prof. Pasquale Soccio. 

Questa Fondazione, da lui creata, non potendo organizzare una manifestazione pubblica celebrativa, a causa delle note ragioni legate alla pandemia, vuole comunque ricordare la figura e l’opera di un protagonista della vita culturale del Novecento, non solo di San Marco e della Puglia ma dell’intera Italia.

Pasquale Soccio è stato un grande uomo di scuola, filosofo e scrittore di alto profilo, cantore magistrale di San Marco e del Gargano.

Con tali pensieri e sentimenti di forte gratitudine questa Fondazione intende onorare la memoria e additarlo ad esempio luminoso alle nuove generazioni.


SERA DE FEBBRARE
a Pasquale Soccio

Li pezze rósse apprésse allu tavute
numare de stendarde affelarate,
li Uardie culla mana alla sevéra
la munachella ‘ntona na prejera,

na morra de persune ‘nturne ‘nturne
orma’ jenne pe te l’uteme iurne
de salutà e jesse salutate
da chi si’ state amate e respettate.

La vita tova ha’ date a questa terra,
iarsa e petrosa eppure l’ha cantata:
bastava che a nu cérre j’ve assettate
e vérde la parola come e ier’va

asceva fréšca e bella dalla vocca
e quiddu che screvive ‘eva nu tocche
de grazia, gentelézza e senteménte:
de tutte lu crijate j’ve cuntènte !

Quanta cose ce ha’ ditte e ce ha ‘nzignate,
accóte accóte ce tenive appresse;
come nu patre tu c’ha sbraviate
pecché ‘gnune de nuva te capesse

che non ce pò fa’ nente senza amore;
sule culla passione e sacreficie
de lacreme, de ‘ndummeche e sedóre
l’ome t’apprezza e ‘Ddì te benedice.

E po’ na sera fredda de febbrare
Come annascave sciure delecate
L’addore t’è sembrate troppe amare:
jeva la mòrte, e tu ce ‘ha abbandonate.

Leonardo P. Aucello