San Valentino, la fèsta lu còre

Print Friendly, PDF & Email

Una bellissima poesia d’amore di Antonio Villani che suggerisco di leggere con molta partecipazione

di Luigi Ciavarella

Nel giorno della tradizionale festa degli innamorati, quest’anno, dove “ce sta na n’aria pesanta/che nisciune vente sposta”, gli amanti festeggiano uno strano San Valentino, sospeso com’è tra desiderio, limitazioni e nostalgia. Segno dei nostri tempi ma Antonio Villani, l’Autore di questa avvenente lirica vernacolare, vuole portare nel cuore di ciascun innamorato un soffio di tenerezza e di speranza con parole d’amore, sincere, che riscaldano il cuore ed accendono i sentimenti di ogni innamorato.

“Pure se mànca la luna/ὀ la cupèrta li stélle./Pure jéssa despiaciuta,/cercava nu cacchèccòsa./Pe rrecurdà quistu jurne,/quistu jurne dell’amὀre.”