La “PREJERA A MARIJA” di Antonio Villani

Print Friendly, PDF & Email

Mentre il morbo sembra raggiungere il picco, secondo la valutazione che ne forniscono gli esperti, ecco che noi ci apprestiamo a vivere quest’anno una strana Pasqua, surreale, desolata, incredibile, priva com’è di tutte le sue manifestazioni più sacramentali, i suoi riti popolari, il suo profondo significato di fede, la gioia della Resurrezione. Non è strano quindi che la voce del poeta supplichi dal profondo del cuore una preghiera alla Madonna Addolorata, la madre di tutti, affinché ci dia sollievo e speranza in questi momenti difficili.

Tonino Villani, da autentico poeta popolare, con grande umiltà, non poteva non raccogliere il grido di dolore della nostra comunità sofferente, smarrita di fronte agli eventi nefasti, per affidarlo alla Madonna attraverso l’umile, toccante preghiera dei suoi versi. (Luigi Ciavarella)


PREJERA A MARIJA
di Tonino Villani

Alluntana sta mmalaria

Ò Madonna bbenedètta,

jè mmenuta da luntane

e là ggènte cògghie mpette.

O Madònna bbenedétta

Non putime manche ascì,

pecchè stame sòtta tire

de quèst’aria maledètta.

Allu pétte sèmpe punta

Còme fòsse na sckuppetta,

e là ggente pòche j’èsce

pe nnò jj’èsse còta mpétte.

Madonna Addulurata

Chi add’allumenà la vija?

Mò che ajjisce pe ccercà

Quiddu Figghie crucefisse.

Quiddu Foco bbeneditte

Sta prònta, còme e ssempe,

avasta che cce alluntana

stu muménte de mmalaria.a festa.

Marija, mamma de tutte

Da luntane te prijame,

e nnò nsule pe li fracchie

ma pure pe sunà a festa

ANTONIO VILLANI (29-3-2020)