San Marco in Lamis, attenzione alla truffa dello specchietto

Print Friendly, PDF & Email

Segnalati diversi casi di truffa dello specchietto nel territorio di San Marco in Lamis. Ad inscenarlo sono due persone, una con accento italiano e l’altra con accento straniero, che per risolvere il falso danno chiederebbero la somma di 50 euro.

I due, per quanto riferito a sanmarcoinlamis.eu, sono soliti posizionarsi sulla strada per San Nicandro Garganico (all’altezza del bivio per Bosco Rosso) e lungo la provinciale per Foggia. Parcheggiati a bordo strada attendono le vittime, di solito persone anziane e sole in auto, e al momento del transito lanciano un sassolino sulla carrozzeria inducendo il conducente a fermarsi. Dopodiché denunciano la rottura dello specchietto che ovviamente era già danneggiato. Poi, per risolvere la questione in maniere bonaria, senza l’intervento dell’assicurazione e delle autorità, evitando a loro dire esborsi maggiori, chiedono la somma in denaro.

In molti, impauriti e per evitare ulteriori alterchi sarebbero cascati nel tranello. In un caso però il raggiro non sarebbe riuscito in quanto l’ignaro autista, non avendo con sé il denaro richiesto, aveva invitato il manigoldo a seguirlo a casa di un amico. A tale richiesta questi si sarebbe dileguati in direzione di San Nicandro.

L’invito è di segnalare subito questi episodi alle Forze dell’Ordine chiamando il 112.