San Marco in Lamis, Udc: bagno di folla per un’idea d’Europa popolare e vicina ai cittadini

Print Friendly, PDF & Email

In migliaia alla festa dell’Udc per una Puglia protagonista nell’Europa popolare.

San Marco in Lamis è stata capitale d’Europa e della musica neomelodica, grazie all’Udc, che ha organizzato una partecipata manifestazione nella villa comunale del comune garganico, alla presenza del segretario nazionale, on. Lorenzo Cesa.

«Siamo partiti dal Gargano per avvicinare l’Europa ai territori, perché l’Europa che vuole l’Udc, posizionata nel PPE europeo, non è quella dei tecnoburocrati, ma dei cittadini, della libera circolazione, della lotta alla povertà e delle uguali condizioni per tutti gli europei. La nostra Europa non vuole alzare muri tra nazioni, ma stimolare il dialogo tra i popoli che credono nei principi democratici e popolari», è stato il saluto dell’on. Angelo Cera, segretario provinciale dell’UdC, al numeroso pubblico che ha riempito la villa comunale. Tantissimi i giovani presenti, ma soprattutto una serata dove parole e musica hanno fatto da sottofondo al tema del ruolo dell’Europa tra spread, deficit e sviluppo dei territori.

«È ora che la politica si riprenda il suo ruolo per sconfiggere le spinte sovraniste che, alla lunga, non fanno gli interessi degli italiani e dei giovani. Per questo rispondiamo che il PPE vuole più Europa per la Puglia, per la Provincia di Foggia e per il Gargano. Ovvero c’è bisogno che l’Europa non sia percepita come una realtà scomoda, ma con una grande opportunità che è garanzia per lo sviluppo dei territori e dei suoi abitanti», ha evidenziato Napoleone Cera, presidente gruppo Popolari della Regione Puglia.

E che l’UdC voglia avvicinare l’Europa ai cittadini lo si evince anche dalla proposta avanzata dal segretario nazionale.

«Propongo ai giovani presenti di formulare un breve scritto sulla serata di San Marco in Lamis, raccontando della loro idea d’Europa. I migliori elaborati, selezionati da un comitato, avranno la possibilità di essere ospitati al Parlamento europeo per uno stage di conoscenza delle attività delle istituzioni europee. Abbiamo bisogno di giovani che comprendano che l’Europa non è nemica dell’Italia, ma che è una occasione per rendere l’Italia ancora più forte ed economicamente più solida, dove i giovani possano programmare il proprio futuro con serenità», ha sottolineato l’on. Lorenzo Cesa, nel corso del talk, moderato da Michele Angelicchio de L’Attacco e Domenico Di Conza di SharingTv.

Prima di dare spazio alla musica, introdotto dal saluto di Antonio Colasanzio, della segreteria giovanile di Foggia, la serata ha visto protagoniste le donne dell’UdC impegnate in incarichi amministrativi o di organizzazione sul territorio del partito. Moderate da Concetta Di Maggio di GarganoTV, hanno raccontato del loro impegno, parlando di politiche sociali, turismo e cultura, Rossella Fini, assessora a San Giovanni Rotondo, Rita Selvaggio assessora a Vico del Gargano, Maura Di Salvia, consigliera e delegata alla cultura a San Nicandro Garganico, Porzia Pinto, consigliera comunale a Vico del Gargano e Giuseppina Falcone, della segreteria cittadina a Vieste.

Poi spazio alla musica. Il pubblico è stato trascinato da Daniele De Martino, nuova icona della musica neomelodica, adorato da tantissimi giovani che hanno affollato le prime fila per cantare insieme i più grandi successi del cantante palermitano, con oltre dieci milioni di visualizzazioni su YouTube.