VIDEO | Dissesto idrogeologico, Emiliano a Foggia incontra sindaci e amministratori

Print Friendly, PDF & Email

Presentate le attività dell’Ufficio del Commissario di Governo per gli interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico in Puglia

I cambiamenti climatici e gli effetti disastrosi sul territorio risultano sempre più evidenti e rendono il tema del dissesto idrogeologico come una priorità da affrontare in termini programmatici ed operativi.

Il Presidente della Regione Michele Emiliano, anche in qualità di Commissario di Governo per la mitigazione del dissesto idrogeologico in Puglia, insieme agli Uffici regionali per la Tutela del Territorio, è fortemente impegnato in questo settore.

Oggi il Presidente ha partecipato a Foggia, nel Palazzo della Provincia, alla presentazione delle Attività dell’Ufficio del Commissario di Governo per gli interventi di mitigazione del Dissesto idrogeologico, alla presenza di tutti i sindaci e gli amministratori locali. Presenti anche gli assessori Leonardo Di Gioia, Giovanni Giannini, Raffaele Piemontese, il commissario di Asset Puglia, l’agenzia per lo sviluppo sostenibile del territorio, Elio Sannicandro e il presidente della Provincia di Foggia Nicola Gatta.

“La Regione Puglia sta investendo circa 160 milioni di euro sul territorio (da aggiungere ai 187 milioni di euro già stanziati su 87 interventi in fase di ultimazione), destinati principalmente alla sistemazione delle strade della provincia di Foggia, per risolvere il problema del dissesto idrogeologico. Certo, c’è un termine: sono in gran parte fondi del Patto per il Sud e quindi devono essere investiti in fretta perché altrimenti si rischia il definanziamento. Oggi siamo venuti a incoraggiare i Comuni, e in particolare i dirigenti. Perché una pubblica amministrazione che ha paura di risolvere i problemi solo per il timore di responsabilità da parte dei dirigenti, è una pubblica amministrazione che non serve ai cittadini. E quindi devono prendere coraggio. Il fondo di rotazione che la Regione ha fatto, è un fondo che deve essere utilizzato da tutti, buttando anche il cuore oltre l’ostacolo, perché comunque il creditore è la Regione. E la Regione non manda certo a rotoli i Comuni, non avrebbe alcun interesse”.

“E poi – ha continuato Emiliano – noi cercheremo di aiutare i Comuni anche dal punto di vista progettuale, ecco perché qui c’è l’Asset, che è questa nuova agenzia alla quale abbiamo cambiato completamente la destinazione: prima era l’agenzia dei trasporti, adesso è diventata l’agenzia dei lavori pubblici. Quindi tutti i Comuni che non sono in grado di fare le progettazioni, anche perché gli organici sono quelli che sono – lo Stato ha distrutto i Comuni italiani togliendo personale, competenze, soldi – si affidino all’Asset, si facciano aiutare e comincino a lavorare.  Perché perdere quest’occasione, con tutti i soldi che abbiamo messo a disposizione, sarebbe davvero un peccato e il problema finirà per non essere risolto mai. I sindaci sono seduti su una situazione difficile, ed è per questo che sono qui per incoraggiare i dirigenti, che non possono prima di tutto proteggere se stessi e poi le persone che camminano per strada o che rischiano di avere una frana addosso”.

“Il dissesto idrogeologico – ha detto Elio Sannicandro, Asset – è un problema italiano che interessa anche la Puglia.  Il rischio è connesso ai cambiamenti climatici e all’uso sconsiderato del territorio. Gli interventi messi in atto della Regione Puglia sino ad ora sono 87 (in gran parte ultimati e gli altri in fase di ultimazione) per un importo di 187 milioni di euro. Inoltre altri 85 interventi sono realizzati direttamente dai Comuni grazie a un finanziamento regionale (fondi POR). Siamo anche al lavoro su nuovi interventi che riguardano il Piano frane: 16 interventi per 33 milioni di euro in Provincia di Foggia. E sul Patto per il Sud, altri 21 interventi per 100 milioni di euro, in gran parte di sistemazioni idrauliche per mettere in sicurezza centri abitati, infrastrutture o aree industriali”.

SITUAZIONE SINTETICA DEGLI INTERVENTI IN CORSO 

1) INTERVENTI IN CORSO DI ESECUZIONE (rif. delibera CIPE 2012)

Gli interventi in corso di esecuzione si riferiscono ad un Accordo di Programma fra Ministero per l’Ambiente e Regione Puglia sottoscritto il 25/11/2010,  successivo DPCM del 10/12/2010 e delibera CIPE n.8 del 20/1/2012, in cui sono elencati gli 84 interventi (con le descrizioni ed i relativi importi) previsti dall’AdP e da una delibera approvativa del CIPE. Gli interventi sono distribuiti sull’intero territorio pugliese ma in massima parte nel Subappenino Dauno e sul Gargano (Provincia di Foggia). Inizialmente l’ammontare complessivo dell’AdP era di € 194.690.000 che è stato successivamente decurtato ad € 186.268.063. Inoltre è stato aggiunto un altro intervento (Casalnuovo) per un maggior onere di 2,5 milioni da realizzare sempre nell’ambito delle disponibilità economiche già assegnate. Alla riduzione delle risorse disponibili ed agli ulteriori impegni economici si è fatto fronte con le economie di gara derivanti dagli appalti dei lavori che nel frattempo erano stati espletati. Attualmente tutti gli 85 interventi sono stati appaltati. Circa la metà di tali interventi è stata ultimata e collaudata. Tutti gli altri interventi sono in corso di attuazione. Molti lavori sono in fase di avanzata realizzazione. Soltanto 6 interventi sono in  fase di avvio e tra questi 4 attendono il completamento dell’iter autorizzativo (VIA o deroga paesaggistica). I Comuni sono stati sempre coinvolti nelle fasi di progettazione e di esecuzione dei lavori infatti la gran parte dei RUP sono interni ai rispettivi Uffici tecnici comunali e buona parte dei direttori lavori sono stati incaricati o individuati dai Comuni interessati. L’azione dell’Ufficio del Commissario di Governo è molto apprezzata da tutti i Comuni, sopratutto dai piccoli Comuni che non hanno strutture tecniche e personale esperto nelle delicate materie che affrontano il dissesto idrogeologico o nelle procedure di appalto e realizzazione di lavori complessi ed onerosi.

2) PIANO FRANE (AdP sottoscritto ad agosto – interventi in attesa di avvio)

La Regione (Ufficio per la Tutela del Suolo) ha concordato con il Ministero per l’Ambiente un elenco di interventi in aree soggette a frane. Si tratta di n. 16 interventi di cui 15 in provincia di Foggia per un ammontare complessivo di € 32 milioni. Nel mese di agosto 2018 è stato finalmente sottoscritto da Regione e Ministero il relativo Accordo di Programma.  Si è in attesa del definitivo atto di notifica e accreditamento del finanziamento da parte del Ministero per poter avviare le fasi attuative (approvazione dei progetti, progettazioni esecutive e appalto dei relativi lavori).

3) PATTO PER IL SUD (interventi in attesa di definitivo finanziamento dal Ministero dell’ Ambiente e dal Ministero per la Coesione).

La Regione (Ufficio per la Tutela del Suolo) ha concordato con il Ministero per l’Ambiente un elenco di interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico per un importo complessivo di 100 mld di €. Si tratta di n. 21 interventi in tutta la Puglia di cui 10 in provincia di Foggia, 8 in provincia di Bari, 2 nella BAT, e 1 a Lecce. Si è in attesa di approvazione definitiva da parte dei Ministeri interessati e successiva sottoscrizione dell’Accordo di programma.

4) FONDO PROGETTAZIONI Con Decr. Min. Amb. n.503 DEL 22/11/2017 e D.G.R. n. 2125 del 5/12/2017 sono state impegnate, e trasferite al Commissario di Governo, risorse per € 11,5 milioni per la progettazione di interventi di mitigazione del dissesto in Puglia. L’accordo individua n. 61 interventi di cui redigere la progettazione e stabilisce i relativi importi disponibili. Il Commissario di Governo (il Presidente della Regione) ha disposto di procedere con affidamenti di gare aperte per la progettazione e l’Ufficio del Commissario ha predisposto i bandi di gara che sono stati pubblicati il 24 agosto con scadenza 22 ottobre. Gli affidamenti saranno completati entro dicembre mentre le progettazioni dovrebbero essere completate entro marzo 2019.