Rifiuti, Ruggieri: «La risposta di Ianzano non lega!»

Print Friendly, PDF & Email

Michele Ruggieri controreplica alle dichiarazioni del vicesindaco: «Ianzano non risponde a quello che ho fatto rilevare». Di seguito la nota stampa diffusa dal consigliere comunale di “San Marco nel cuore”

Gli attuali amministratori, e quindi anche l’assessore Ianzano, ad ogni minima critica non sanno fare altro che rispondere piccati e sempre fuori dal tema; non riconoscono mai che le critiche spesso sono dei suggerimenti preziosi che dovrebbero ascoltare.

Così, anche per quanto riguarda la questione dei rifiuti e della sicurezza igienica nel nostro comune, l’assessore Ianzano non risponde minimamente a quello che ho fatto rilevare:

– infatti, niente dice sul nuovo (vecchio) appalto, mentre il servizio va avanti con la solita proroga (e non è solo il caso dei rifiuti);

– nessuna risposta dà sul calo della percentuale della differenziata, sul funzionamento o meno delle foto trappole e sulla assenza delle guardie ecologiche;

– nessun commento fornisce sui premi dei Consorzi di filiera, sulla mancata differenziata nel mercato settimanale e nel cimitero, sui rifiuti abbandonati nei boschi e lungo tutte le strade che si dipartono dal paese.

L’assessore Ianzano, lui sì sempre in campagna elettorale, dimentica che oramai è a Palazzo Badiale da circa tre anni e che buttarla sempre in caciara sul passato oramai non regge più: ora c’è lui ed i cittadini vogliono sapere quello che fa lui e non quello che lui attribuisce agli altri.

I cittadini, quando vanno a Foggia, a San Nicandro, a San Severo, a Rignano, a San Giovanni vedono lungo tutto il percorso cumuli e cumuli di immondizia; i boschi e le campagne sono pieni di plastica; le discariche a cielo aperto non si contano, in molti punti del centro abitato è diventato normale trovare cumuli di rifiuti abbandonati.

Riguardo al passato, poi, vorrei far notare all’assessore Ianzano che la precedente amministrazione ha dovuto fare i conti con la situazione di dissesto lasciata negli anni da altre amministrazioni (di cui una in particolare di cui faceva parte l’attuale sindaco), mentre ora l’amministrazione di cui Ianzano fa parte, grazie all’operazione verità sui debiti, gode di una certa tranquillità finanziaria e di contributi del Governo Regionale prima inimmaginabili, che, però, non sanno nemmeno spendere e programmare, come dimostra il caso del CCR.

Chissà quale qualifica darebbe a questa amministrazione una Legambiente obiettiva (e non quella degli amici degli amici) se veramente vedesse in che stato è ridotto il nostro territorio!

Cimitero – loculi comunali
Biblioteca- Ufficio di Collocamento
Via Rosselli
Boschetto San Matteo