La Fracchia dell’Orto di Santa Chiara

Print Friendly, PDF & Email

Era quasi l’imbrunire che Gesù Cristo con i suoi dodici compagni, si era seduto per terra nell’orto di Santa Chiara. Proprio in quel momento stava per spezzare il pane con le mani, improvvisamente vede ad una ventina di metri un oggetto molto lucente che si stava avvicinando. Era una fracchia, né grande e né piccola che veniva trainata da due persone.Questi due uomini si fermano davanti a quella bella comitiva, facendo segno con la mano verso di Lui e gli fanno capire che gli devono dire una parola nell’orecchio.

Gesù Cristo come non aveva capito che stavano puntando verso di lui quei due giovani? Ma Lui fa finta di niente e si alza e va verso i due compari appena arrivati. Uno dei due giovani si fa avanti con la testa e si avvicina a quella di Cristo, e con una mano davanti alla bocca, per non far sentire nulla agli altri, soffia delle parole che dicevano così: “Ti abbiamo portato il fuoco per dopo, tu già sai cosa vogliamo dire.”

E certo che lo sapeva a cosa servisse quel fuoco di quella fracchia appena portata. Non ci volevano mica quei due per farglielo sapere!

La fracchia viene lasciata e i due fracchisti se ne vanno. Gesù Cristo ritorna a sedersi dove stava prima e continua a rompere il pane per darglielo ai suoi compagni. E anche il vino versa nei tredici calici che stavano appoggiati per terra.

Una volta che quella bella compagnia ha finito di mangiare e bere, undici compagni di Gesù Cristo prendono la fracchia, e senza sapere il perché, iniziano a trainarla verso la strada principale. Solo uno non segue gli altri: Giuda, che come ha visto arrivare la fracchia, era sparito.

La fracchia, dall’orto di Santa Chiara, gira per tutti i sepolcri delle chiese di san Marco e si ferma davanti ad ogni chiesa. Ogni volta che la fracchia si ferma, Gesù Cristo entra in quella chiesa e con la luce della fracchia, che i suoi compagni si portano dietro, guarda in chiesa. E pensa: “Pure qui dentro non c’è.”

E va avanti, proseguendo in questo modo, per quasi tutte le chiese del nostro paese. 

Rimane l’ultima chiesa, ed è proprio quella di santa Chiara, da dove erano partiti. Fermandosi davanti alla chiesa, Gesù Cristo entra e finalmente trova quello che cercava: vede a Giuda. Ma non lo vede in carne ed ossa, ma lo vede come un fantasma dismesso, che piange buttato per terra e che dice: “Sono morto prima io di te, tra poco ti verranno ad arrestarti, ma l’anima mia resterà ancora su questa terra non so ancora per quanto tempo, strisciando e piangendo, e sempre con un nodo alla gola.”

Gesù Cristo ascoltando quelle parole risponde a Giuda: “Alzati, non ti buttare giù in questo modo, il tuo errore ha fatto capire a tutto il mondo qual è la Verità.”

A quel punto il fantasma di Giuda si trasforma di nuovo in una persona in carne ed ossa: Giuda era ritornato in vita. 

La fracchia che era servita a Gesù Cristo per cercarlo, viene lasciata nell’orto di Santa Chiara, accesa. Subito dopo arrivano dei soldati che arrestano il Maestro e se lo portano.

Giuda guarda nel fuoco della fracchia, e lì dentro vede tutto quello che succederà a Cristo: vede tutta la passione che subirà, vede come lo uccideranno, ma non vede la resurrezione. 

Perchè Giuda, con quella fracchia che gli è stata lasciata, ogni venerdì santo fino alla mattina di Pasqua, andrà in giro per tutti i sepolcri, chissà riuscisse a vedere il momento esatto in cui Gesù Cristo risorge.

Ma non lo vedrà, perché il Signore l’aspetta nell’aldilà per quando ci sarà il Giudizio Universale. 

_________________________________________________________________________

LA FRACCHIA DELL’ORTE DE SANTA CHIARA

Jeva appena fatte scurda che Gese Criste cu lli dudece cumpagne sova, ce jeva assettate pe ‘nterra inte l’orte de Santa Chiara. Propria inte e quiddu mumente steva pe rompe lu pane cu lli mane, quante vede a na ventina de metre na cosa lucente che ce avvucenava. Jeva na fracchia, nè rossa e nè menenna, che meneva trainata da dui crestiane.

Quisti dui jommene ce fermene ‘nnante a quedda bella cumpagnia, facenne segne cu lla mane alla via de Isse, e li fanne capì che l’anna dice na cosa inte la recchia.

Gese Criste come non l’eva capite che stevene propria puntanne la via sova quiddu dui giune? Ma Isse fa finta de nente e ce ajaveza e va verse li dui cumpare appena arrevate. June delli dui giune ce fa ‘nnante cu la ciocca e ce avvucina a quedda de Criste, e cu na mane ‘nnante alla vocca, pe non fa sentì nente a ll’ati, scioscia delli parole che dicevene acuscì: ”T’ime purtate lu foche pe dope, tu già lu sa che vulime dice.”

E certe che lu sapeva a che serveva quiddu foche de quedda fracchia appena purtata. Mica ce vulevene quiddi dui bell’ome pe farnelu sapè!

La fracchia ve lenzata e li dui fracchiste ce ne vanne. Gese Criste ce va assetta adova steva prima e continua a rompe lu pane pe darnelu alli cumpagne sova. E pure lu vine remmocca inte li tridece calice che stevene appujate pe ‘nterra.

Na vota che questa bella cumpagnia ha fenute de magnà e veve, junnece cumpagne de Gese Criste pigghiene la fracchia, e senza sapè come, accumenzene a terarla la via de meze la chiazza. Sule june non ce abbija: Giuda, che come ha viste arrevà la fracchia, jeva sparute.

La fracchia, dall’orte Santa Chiara, ce gira tutte lu sabbulecre delli chiese de Sante Marche e ce ferma ‘nnate a ogni chiesa. Ogni vota che la fracchia ce ferma, Gese Criste trasce inte la chiesa e cu lla luce della fracchia, che li cupagne sova ce portene appresse, spia inte inte la chiesa. E penza: “Pure qua inte non ce sta.”

E va ‘nnante de questa manera pe quasa tutte li chiese dellu paese nostre. 

Rumana l’utema chiesa, e jè propria quedda de Santa Chiara, da adova jevene partute. Femannece ‘nnante la chiesa, Gese Criste trasce inte e fisalmente trova quiddu che jeva truvanne: vede a Giuda. Ma non lu vede come nu crestiane, ma lu vede come nu bantasma male cavuzate, che chiagne jettate pe ‘nderra e che dice: “So morte prima i’ de te, tra poche te venne a pigghiene, ma l’anema mia adda sta sope ‘sta terra non sacce pe quanta tempe ancora, struscianne e chiagnenne, e sempe cu la scettema ‘nganna”.

Gese Criste sentenne questi parole responne a Giuda: “Ajavezete, non te menanne tante ‘nterra, quiddu che ha fatte tu, ha fatte capì a tutte quante qualla jenne la Veretà.

A quiddu punte lu bantasma de Giuda ce trasforma n’ata vota come nu crestiane de carne e jossa: Giuda jeva returnate a ‘mmeze e nua. 

La fracchia che jeva servuta a Gese Criste pe irlu truvanne, ve lenzata inte l’orte de Santa Chiara, appicciata. Subbete dope arrivene delli suleddate che ce pigghiene lu Majestre e ce lu portene.

Giuda spia inte lu foche della fracchia, e ddà gghinte vede tutte quiddu che adda succede a Criste: vede tutta la passione che adda passà, vede come adda menì accise, ma non vede la resurrezione. 

Pecchè Giuda, cu quedda fracchia che l’è stata lenzata, ogni venardì sante fine alla matina de Pasqua, adda ì geranne tutte li sabbulecre chisà riuscesse a vedè juste lu mumete quanne Gese Criste ce ne vola ‘ncele.

Ma non l’adda vedè, pecchè lu Signore l’aspetta all’ata via pe quanne ce adda fa li cunte cu tutte quante. 

Tratto da: “Le Fracchie nella Passione di Cristo e nelle Leggende (moderne)” di Mario Ciro CIAVARELLA