Ciak, si gira! Ecco “Mònde”, il Festival del Cinema sui Cammini

Print Friendly, PDF & Email

“Mònde è una vera sfida e persegue tre obiettivi: è uno strumento di marketing territoriale capace di promuovere, insieme al cinema, anche i luoghi; è innovazione sociale perché racconta i luoghi non solo come paesaggio ma come comunità, e lo dimostra anche lo spot di questa 2^ edizione che vede protagonisti gli abitanti di Monte Sant’Angelo, custodi delle tradizioni e dell’identità; fa parte di una strategia più ampia, che mette al centro anche i cammini, necessaria per fare economia ed incidere sulla promozione del territorio”.

Lo ha detto l’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, presentando stamattina la seconda edizione di “Mònde – Festa del Cinema sui Cammini”, il cui nome richiama il termine dialettale con cui è chiamata la cittadina di Monte Sant’Angelo, ma al contempo rimanda anche al “mondo”, ad una dimensione più alta e universale.

Dal 10 al 13 ottobre 2019 la cornice unica e suggestiva dello storico Rione Junno di Monte Sant’Angelo, all’interno del Parco Nazionale del Gargano, ospiterà il festival cinematografico dedicato al tema del viaggio, in tutte le sue sfumature ed accezioni.

“Questo festival è una tessera di un puzzle molto più grande”, ha fatto eco l’assessore regionale al Bilancio, alla Programmazione unitaria e alle Politiche giovanili,  Raffaele Piemontese, ricordando che “nasce dal talento di Luciano Toriello, ideatore di ‘MAD – Memorie Audiovisive della Daunia’ una delle imprese giovanili finanziate con ‘PIN – Pugliesi innovativi”, allargandosi a coinvolgere associazioni, istituzioni e persone del territorio, dando così vita a un progetto importante, che fa fare un salto di qualità a livello nazionale alla città di Monte Sant’Angelo”.

“Mònde è un festival unico, con un format originalissimo che raccorda e integra i diversi ambiti della valorizzazione culturale con l’espressione audiovisiva: un festival di cinema che parla di attraversamenti culturali, fisici, temporali, interiori… Mònde, il monte, ci porta a scoprire memorie antiche e recenti attraverso un’esperienza cinematografica a tutto tondo, mentre si cammina, si viaggia, si scopre», ha spiegato la presidente di Apulia Film Commission, Simonetta Dellomonaco, sottolineando insieme al direttore generale di Apulia Film Commission, Antonio Parente, che “è uno dei festival della rete ‘Apulia Cinefestival Network’, su cui la regione Puglia ha deciso di investire e che rappresenta un importante riferimento per il territorio del Gargano, ricchissimo di bellezze e valori culturali ancora da scoprire e far scoprire attraverso il cinema”.

“Mònde”, infatti, è alla ricerca di un costante dialogo con un territorio dall’inesauribile potenziale narrativo ed immaginifico quale il Gargano. Ripercorrendo a piedi le antiche vie di pellegrini e crociati e le tracce della millenaria presenza dell’uomo nel territorio garganico, o immersi nella natura selvaggia della Foresta Umbra, i cammini di Mònde, organizzati dall’Associazione Monte Sant’Angelo Francigena, sono un’esperienza da non perdere. Si andrà alla scoperta della Foresta Umbra, dell’Abbazia di Santa Maria di Pulsano con visita guidata agli Eremi, della Basilica di San Michele Arcangelo e del Rione Junno.

Durante le quattro giornate di Festival sarà possibile immergersi nei temi del viaggiare “lento” e del viaggiare tout-court, delle “buone pratiche” e della sostenibilità ambientale e sociale, tutti di stringente attualità. E sarà possibile scoprire o riscoprire Monte Sant’Angelo, la città dei due siti Unesco: il Santuario di San Michele Arcangelo e le faggete vetuste della Foresta Umbra.

“Monte Sant’Angelo è tra le mete mondiali dei grandi cammini e pellegrinaggi e raccontare questo fenomeno attraverso l’arte cinematografica è sicuramente una grande operazione culturale. L’internazionalizzazione, gli eventi e la destagionalizzazione sono al centro della nostra strategia culturale e turistica, ecco perché sosteniamo, e continueremo a farlo, questo festival”, ha commentato l’assessore all’Istruzione, Cultura e Turismo del Comune di Monte Sant’Angelo Rosa Palomba.

Ad illustrare il programma della seconda edizione di “Mònde” il direttore artistico, Luciano Toriello, che ha spiegato la modalità con cui sono stati selezionati i film che saranno proiettati: “Sono un documentarista, quindi seleziono i film così come li costruisco. In un film sul cammino incontro la fede, la tradizione, la spiritualità ma anche il turismo laico, il trekking. La programmazione comprende tutti questi argomenti, in questo modo il camminatore completa la propria esperienza con film, masterclass, spettacoli musicali”.

Si partirà giovedì 10 ottobre alle 16:00 con l’apertura ufficiale del Festival e l’inaugurazione della mostra fotografica di Pino Maiorano, che sarà anche il curatore degli allestimenti di “Mònde” 2019.

A seguire saranno proiettati i contenuti speciali de “La Legge” di Jules Dassin, film girato nel 1958 sul Gargano, a cui rende omaggio il visual di “Mònde” 2019.

Il passato e la memoria saranno rievocati anche grazie alla forte collaborazione con l’Istituto Luce, che darà vita alla Rassegna “Luce Cinecittà” con la proiezione di “Lascia stare i santi” di Gianfranco Pannone, “Butterfly” alla presenza del regista Casey Kauffmann, “Dafne” di Federico Bondi e “Anjia” alla presenza del regista Roland Sejko.

Durante la giornata di domenica 13 ottobre si terrà la conclusione dei lavori di “Gargano DOC – Scuola del documentario sui Cammini e gli Itinerari culturali”, realizzato sempre in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà.

Sono previste proiezioni di film suddivisi in due sezioni competitive, lungometraggi di documentario e cortometraggi, matinée con le scuole e masterclass che rappresentano un cammino nelle fiabe di altri paesi, perché “Mònde” è un Festival che parla di Puglia e si confronta con il resto del mondo.

E poi ancora proiezioni speciali e incontri, tra cui “Il bene mio” alla presenza del regista Pippo Mezzapesa e della sceneggiatrice Antonella Gaeta.

Spazio anche alla docufiction con la proiezione di una puntata della serie “Overland” – e l’incontro con Beppe Tenti, esploratore, produttore e ideatore del format RAI dedicato alle spedizioni documentaristiche – e con “BOEZ – Andiamo via”, seguito dal confronto con la regista Paola Pannicelli, la produttrice Roberta Cortella e i protagonisti Alessandro Paglialonga e Francesco Tafuno.

Non mancheranno, inoltre, concerti e spettacoli. Giovedì 10 ottobre ci sarà Ambrogio Sparagna, uno dei più importanti musicisti della musica popolare europea, Maestro concertatore del Festival La Notte della Taranta dal 2004 al 2006, fondatore e direttore dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Sabato 12 ottobre sarà la volta di “Parole Note” live con Giancarlo Cattaneo e Maurizio Rossato, uno spettacolo che accompagna il pubblico in un inaspettato viaggio interiore, attraverso un’esperienza multisensoriale resa unica dal flusso di letture, immagini, musica.

Dall’11 al 13 ottobre 2019, presso la Biblioteca Comunale “C. Angelillis”, avrà luogo il Convegno Internazionale “Francigena: Via per Roma, Santiago, Gerusalemme”, organizzato congiuntamente da Regione Puglia, Associazione Europea Vie Francigene e dal Centro Italiano di Studi Compostellani.

“Mònde – Festa del Cinema sui Cammini” è un’iniziativa della Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale a valere sulle risorse del Patto per la Puglia FSC 2014-2020 – prodotta da Apulia Film Commission nell’ambito dell’intervento Apulia Cinefestival Network con il contributo di Ente Parco Nazionale del Gargano e del Comune di Monte Sant’Angelo.

Soggetto ideatore e organizzatore della manifestazione, per la Direzione artistica di Luciano Toriello, è MAD – Memorie Audiovisive della Daunia.

L’evento, realizzato in collaborazione con l’Associazione Monte Sant’Angelo Francigena e Istituto Luce Cinecittà, gode inoltre del patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene.