“’Ndrangheta”, arrestato ex comandante dei Carabinieri di Manfredonia

Print Friendly, PDF & Email

Guai anche per Giorgio Naselli, 52 anni, tenente colonnello dei Carabinieri, ricordato in provincia di Foggia per aver diretto il comando di Manfredonia. Naselli è tra le 334 persone destinatarie delle ordinanza di custodia in carcere emesse dalla Procura nazionale antimafia di Catanzaro, diretta da Nicola Gratteri, che la scorsa notte ha inferto un duro colpo alla ‘ndrangheta nel Vibonese. Arrestato alle prime ore del mattino, è stato trasferito nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, dove ha già incontrato il suo legale.

Il Carabiniere aveva preso possesso del comando provinciale dell’Arma di Teramo il 19 settembre 2017, proveniente dal comando del reparto operativo di Catanzaro. Sposato con 4 figli, tarantino di Castellaneta, formazione all’Accademia, nella sua carriera ha all’attivo il servizio nel Battaglione di Bari e nel nucleo operativo della Compagnia di Bagheria nel Palermitano.

Prima era stato in forze a Viadana, nel Mantovano, e poi per quattro anni alla Base Nato di Napoli come responsabile della sezione operazioni di sicurezza. Da maggiore aveva diretto successivamente la Compagnia di Manfredonia. Un cosiddetto uomo del fronte, abituato a gestire situazioni delicate e complesse indagini contro ‘ndrangheta e cosche mafiose siciliane. Il saluto alla cittadinanza l’aveva consegnato alla stampa pochi giorni prima dello scorso 19 ottobre, quando aveva preso servizio come nuovo vice comandante del Gruppo Sportivo Carabinieri, il nucleo organizzativo dell’Arma nel settore sportivo con compiti di addestramento e agonistici nelle diverse discipline olimpiche. (immediato.net)