Covid-19, Zullo: «Tamponi a tutti i pugliesi. Scovare gli asintomatici». Lopalco: «Si fanno a chi serve»

Print Friendly, PDF & Email

La richiesta del capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo

“Abbiamo sempre ribadito che la Fase 2, la ripartenza soprattutto delle attività lavorative, dovesse avvenire in sicurezza. Sono fortemente preoccupato per la forte propensione della Regione a centellinare i tamponi e se non farli dovesse colpire il nostro sistema produttivo, ormai in fase di riavvio, rischieremmo di trasformare i luoghi di lavoro in luoghi di contagio così come avvenuto per gli ospedali e per le RSA-RSSA.

Entro nel merito: stando ai Protocolli di Sicurezza firmati fra Governo e Sindacati per ogni persona che torna al lavoro ogni giorno deve essere misurata la temperatura corporea e se questa è pari o superiore a 37.5 il lavoratore non può accedere ai luoghi di lavoro, deve isolarsi a casa e concordare il da farsi con  medico di medicina generale che potrà richiedere il tampone per ottenere diagnosi di positività o negatività al COVID. Solo se questo risulterà negativo medico competente potrà riammettere il lavoratore al lavoro. Il medico di medicina generale potrà anche escludere la necessità del tampone ma ai fini della riammissione al lavoro del lavoratore dovrà pur relazionarsi con il medico competente perché Covid ci ha abituato a brutte sorprese: molti non presentano sintomi, sono asintomatici o paucisintomatici e senza certezza di un tampone negativo c’è sempre il rischio di diffusione del virus in ambito aziendale.

Se la Regione Puglia continuerà ad ostinarsi nel centellinare i tamponi e non si attiva perché il tampone venga eseguito su chiunque torni al lavoro, la probabilità del ritorno alla Fase Uno è molto probabile. È il caso che Emiliano scenda dall’estero e si occupi di cose terrene”, conclude Zullo.

Il prof. Pier Luigi Lopalco, responsabile del coordinamento epidemiologico della Regione Puglia, in risposta alla nota del consigliere regionale Ignazio Zullo ha poi dichiarato: “In Puglia, per tutta la durata della prima fase, le strategie di contact tracing ed un uso strategico delle attività della rete diagnostica regionale ha permesso di gestire l’epidemia con risultati eccellenti. La strategia di utilizzo dei tamponi in Puglia è stata identica a quella di regioni come il Veneto che sono prese ad esempio come standard ottimo di controllo dell’epidemia. Ovviamente il numero assoluto di tamponi eseguiti Puglia risultano inferiori a quelli del Veneto perché il numero di casi e di catene di contagio delle due regioni non è paragonabile. In Puglia, in tutto, sono stati registrati solo 12 focolai nelle Rsa-Rssa e 6 focolai in tutta la rete ospedaliera. Fra le centinaia di aziende che hanno in questa prima fase continuato la loro attività produttiva solo in una si è sviluppato un focolaio prontamente individuato e spento: degli operai coinvolti in questa azienda tutti i casi sono stati asintomatici o con sintomi lievi e con nemmeno un caso ricoverato in ospedale. Le attività di monitoraggio e controllo hanno portato alla individuazione di oltre 26.000 cittadini pugliesi che hanno ricevuto un’ordinanza di isolamento fiduciario a casa, in pratica più di 6 ogni 1.000 pugliesi. In Puglia, quindi, nessuno ha centellinato o vuole centellinare i tamponi. In questa seconda fase, anzi, quando sia molti operatori sanitari che tanti lavoratori stanno rientrando al lavoro, è stata messa a punto una nuova strategia in cui i rischi specifici delle singole attività produttive, incluse le attività sanitarie, saranno valutati insieme al livello di circolazione del virus sul territorio e quindi saranno messe a punto strategie specifiche per scovare eventuali catene di contagio nascoste fra asintomatici in una fase molto iniziale. Il tampone non verrà negato dunque a nessun pugliese che ritornerà al lavoro nelle prossime settimane e presenterà uno specifico profilo di rischio. Le nostre strategie sono basate su stringenti ragionamenti scientifici e discussi con i migliori esperti nazionali ed internazionali. La salute degli operatori sanitari e di tutti i lavoratori è il nostro primario obiettivo”.

“In Veneto – ha poi ulteriormente chiarito  il prof. Pier Luigi Lopalco,  responsabile del coordinamento epidemiologico della Regione Puglia –  sono stati fatti circa 384.000 tamponi su 18.300 casi. In Puglia ne sono stati fatti circa 71mila circa su 4.200 casi. Questi numeri da soli  smontano la teoria e la vulgata secondo la quale in Puglia non si facciano abbastanza tamponi.

La strategia veneta è del tutto sovrapponibile a quella pugliese. Ovvero, di ricercare i casi tra i contatti di un caso confermato. Il Veneto ha un grande numero di catene di contagio, superiore alle nostre, che hanno generato un maggiore numero di tamponi. E quindi di casi confermati.

La strategia veneta della ricerca casi è come la nostra, basata sul contact tracing. Con identificazione dei contatti attraverso telefonate ai soggetti positivi al tampone o sintomatici. I contatti stretti, quindi in Veneto come in Puglia sono divisi in sintomatici e asintomatici.

Per i sintomatici si fa il tampone su richiesta medico di base o dipartimento di prevenzione.

Per gli asintomatici c’è la sorveglianza attiva rigorosa. Di regola, secondo le regole venete, NON SI FA IL TAMPONE, salvo che per esigenze di ritorno al lavoro. Per gli altri casi c’è LA QUARANTENA PER 14 GIORNI.

Possiamo dunque dire che la strategia pugliese di contenimento e controllo della pandemia è del tutto simile a quella adottata in Veneto, indicata come regione “virtuosa” nell’utilizzo dei tamponi. In Puglia i tamponi si fanno, e si fanno per chi serve”.