Da oggi al via le iscrizioni per “Punto e a capo!”, l’estate ragazzi 2021 di San Marco in Lamis

Print Friendly, PDF & Email

Punto e a capo! Per l’estate ragazzi 2021 di S. Marco in Lamis, un titolo che si fa esclamazione di ricominciare, di voltare pagina, di fare tesoro dell’esperienze vissute per poter continuare a scrivere la nostra storia.

Un’immagine vitale di ciò che può e vuole essere la Chiesa, la comunità, la nostra città quando la pace e la gioia abitano il suo tempo e la sua storia, quando si compie la promessa di Dio. E che cosa vuole essere l’estate ragazzi in fondo, se non questa esperienza promettente di un incontro tra le generazioni, di un dialogo tra grandi e piccoli, di accoglienza per tutti!

L’invito allora, è di spalancare le nostre porte, quelle che ci portiamo dentro, di uscire sul territorio, di abitare la storia e di far incontrare la vita vera ai bambini e ai preadolescenti dell’estate ragazzi. Punto e a capo! È anche un’espressione dialettale che indica che tutto ricomincia. S’inizia da zero. L’esperienza del covid-19 non ha messo un punto fermo. S’inizia con le precauzioni necessarie e dettate dalle autorità. Iniziamo con lo stesso entusiasmo. In virtù degli spazi e del distanziamento che bisogna osservare, il numero degli iscritti sarà rigorosamente di 100 ragazzi dagli 8 anni compiuti.

Il linguaggio base della nostra estate ragazzi sarà la comunicazione. Partendo da una consonante che a volte ci sembra inutile, non ha suono, ma senza, perdono di significato tante parole. L’acca, H, ottava lettera del nostro alfabeto ci insegna che l’integrazione è alla base di ogni forma di comunicazione umana. Nessuno si deve sentire superfluo o insignificante. Come recita la canzone del nostro inno: “Alla fine, in fondo in fondo, è questa la faccenda: Siamo tutti necessari, tutti utili a vicenda, Siamo tutti un po’ importanti, tutti perlomeno un po’. Tutti quanti indispensabili. Ciascuno come può”.

Siamo pronti a scrivere e andare Punto e a capo? Noi ci siamo per i ragazzi e il nostro paese. Abitiamo le piazze, rendiamo le strade luoghi di incontro, più che di semplice passaggio, coinvolgendo la comunità… giocando e divertendoci! (Antonio DANIELE)