Testa di capretto per l’amministratore della società interessata al Foggia Calcio

Print Friendly, PDF & Email

Sul posto sono accorsi gli agenti della Polizia che hanno effettuato tutti i rilievi necessari per le indagini. I malviventi sono stati ripresi dalle telecamere ad infrarossi. Lo riferisce l’Immediato.net

La Meleam comunica che stamattina l’amministratore delegato del gruppo, Pasquale Mario Bacco, è stato vittima di un grave atto intimidatorio. Davanti casa sono state rinvenute due teste di animale con una enorme scritta sull’asfalto che riportava “BACCO E MASI VIA DAL FOGGIA”.

Sul posto sono accorsi gli agenti della Polizia che hanno effettuato tutti i rilievi necessari per le indagini. Inoltre i malviventi sono stati ripresi dalle telecamere ad infrarossi a protezione dell’abitazione, anche se non sono perfettamente distinguibili. Preoccupazione desta l’episodio anche e soprattutto per il ruolo che il dottor Bacco riveste come medico legale e consulente di varie procure sul territorio nazionale.

“Episodio inqualificabile – dichiara Il dottor Bacco – che mi lascia assolutamente stupefatto. Non è possibile che il calcio sia causa di queste aggressioni psicologiche. I valori devono tornare al centro di qualsiasi progetto sportivo. Nel caso specifico non posso credere che i tifosi del Foggia possano essere responsabili di questa azione; il mio pensiero va più a qualcuno che intende sabotare la cordata che rappresento. In qualità di rappresentante di Meleam s.p.a. devo chiaramente ammettere che si rende necessaria, con tutti i miei collaboratori, una profonda riflessione”.