Il sindaco e l’informazione a convenienza, UdC: «Silenzio sull’inizio dell’anno scolastico al Balilla ma tante chiacchiere sul viale»

Print Friendly, PDF & Email

Una nota della Sezione UDC di San Marco in Lamis 

“Oramai da alcuni giorni giace sul sito di sanmarcoinlamis.eu la richiesta al sindaco, da parte di una mamma, circa l’apertura del nuovo anno scolastico per i bambini che frequentano l’istituto Balilla: “Dove andranno a scuola i nostri figli?”

Naturalmente, la domanda è la stessa che si stanno ponendo un po’ tutti i genitori e tutti gli operatori scolastici e, pertanto, una risposta tempestiva del sindaco sarebbe stata quanto mai opportuna per evitare disorientamento in un servizio, come quello scolastico, così delicato.

Ed è del tutto inutile, diciamo noi al sindaco, nascondere l’imbarazzo dell’incertezza: se vi sono problemi, non costa niente comunicarli all’opinione pubblica. Certamente, effettuare un eventuale trasloco all’inizio, o durante, l’anno scolastico non è un bell’esempio di efficienza, dato che si poteva fare già dal mese di giugno. Così come non sono un bell’esempio di efficienza tutti i ritardi accumulati per la progettazione, per l’affidamento e per la direzione dei lavori, che, ricordiamolo, sono stati finanziati in virtù di una legge che aiuta i Comuni in difficoltà finanziarie.

Abbiamo già spiegato, in più occasioni, che, se non ci fosse stata l’operazione verità, da parte dell’Amministrazione Cera, sui debiti e sui bilanci inattendibili del Comune (operazione che ha portato “per legge” alla dichiarazione del dissesto, così come -lo ripetiamo- evidenziato dal Revisore dei Conti e dal Ragioniere), quei fondi non sarebbero mai arrivati. Non sono di aiuto le voci che gli amministratori a titolo personale fanno circolare sui viali o sui social circa il trasloco e l’inizio dell’anno scolastico; ed ecco allora che si aspetta una voce ufficiale che però ancora non arriva.

Comprendiamo le difficoltà che avranno le famiglie durante tutto l’anno scolastico, ma il nostro auspicio è che i vostri figli possano ottenere degli ottimi risultati nello studio per placare i disagi”.