Caso Cera, Magistà: «Tutti i politici devono fare attenzione, fare promesse è reato»

Print Friendly, PDF & Email

«Adesso tutti i politici devono fare attenzione. Se accolgono le preghiere di una mamma, che chiede lavoro per il proprio figlio, e rispondono con un sì o con la promessa di un impegno, commettono un reato: quello della promessa. Forse erano meglio le tangenti, almeno qualcuno ci guadagnava»

All’editoriale del direttore del Tg Norba, Enzo Magistà, ha fatto eco il post su Facebook di Maria Giuliani, moglie del consigliere regionale Napoleone Cera: «Fare politica, oggi, è reato! Stare con la gente, tra la gente, parlare con loro, spronarli ad andare avanti, tirare una pacca sulla spalla con un “vedrai troveremo una soluzione”, è reato! La pericolosità sociale e’ parlare di mafia, la pericolosità sociale e’ parlare di tangenti, la pericolosità e’ tutto fuorché questo! Nessuna tangente, nessun beneficio economico, niente di niente. E se mentre prima si parlava di tentativo di minaccia, a seguito del riesame si parla di induzione tentata (qualcosa che nemmeno arriva alla minaccia!). Non c’è nessun reato ma mio marito e mio suocero restano ai domiciliari. E’ normale? Datemi una risposta perché io francamente non so più a cosa pensare! Ho studiato giurisprudenza, sono diventata avvocato, ma questo modo di fare, crudele, nel voler interpretare qualcosa di filosofico, non mi appartiene».