Dai “LIONS” italiani quasi 5 milioni di euro per battere il Coronavirus

Print Friendly, PDF & Email

Dopo interventi dedicati a ospedali e Rsa, si ampliano ora quelli a sostegno delle famiglie in difficoltà grazie alla presenza su tutto il territorio nazionale.

Superano i quattro milioni e ottocentomila euro le apparecchiature sanitarie, i dispositivi di protezione, le derrate alimentari consegnati dai Lions italiani a ospedali, ASL, comuni e cittadinanza dall’inizio dell’emergenza Coronavirus ad oggi. “Sbigottiti dalla violenza di questa epidemia – ha raccontato Luigi Tarricone, presidente nazionale dell’associazione – ci siamo subito posti a fianco delle istituzioni, anche attraverso i nostri soci medici che operavano in prima linea o presenti nelle amministrazioni locali, raccogliendo le loro richieste. Grazie a 1.300 club e 40.000 soci presenti in tutte le maggiori città italiane siamo riusciti a generare un’azione rapida e capillare”.

Così, il contributo dei Lions italiani per la lotta al virus ha fin qui raggiunto i 4.822.000 euro compresi i 350.000 dollari messi a disposizione dalla Fondazione Lions Club International. Il 27% di questo importo (1.300.000€), è stato destinato all’acquisto di centinaia di migliaia di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari: mascherine, guanti, calzari, visiere, camici e tute monouso. Oltre 2.688.000 euro, pari al 56% del totale, sono stati impiegati per l’acquisto di attrezzature medicali di alto livello, riutilizzabili al termine dell’emergenza.

In tutta Italia, i Lions hanno consegnato ai nostri ospedali respiratori per terapia intensiva, analizzatori per tamponi, apparecchi per ossigenoterapia, ecografi, monitor, siringhe elettriche, tablet ed altro ancora. Accanto ai quasi 200 ospedali che hanno ricevuto supporto dai Club Lions – e tra questi quelli delle provincie lombarde più colpite dal Covid-19 e lo Spallanzani di Roma – cresce di giorno in giorno il numero delle RSA alle quali vengono forniti in primis dispositivi di protezione.

L’azione dei Lions italiani – ha spiegato Luigi Tarricone – continua senza sosta adattandosi alle priorità del momento. Se ventilatori polmonari e dispositivi di protezione sono stati la nostra prima preoccupazione, adesso stiamo concentrando la nostra azione sul sostegno alla popolazione e iniziamo a progettare gli interventi a supporto della ripartenza della nostra economia”. Così oltre 830.000 euro (17% del totale) hanno finanziato fin qui l’attività di sostegno sociale: spese solidali, donazioni di prodotti alimentari alle famiglie e a mense aperte a coloro che sono in difficoltà.

I Leo, il movimento giovanile dei Lions, distribuiscono ogni mattina la colazione agli operatori sanitari del Covid Hospital di Milano. I nostri soci, spesso in collaborazione con Croce Rossa e Protezione Civile locali, sono operativi nella distribuzione porta a porta di alimenti e farmaci. Ci attende una nuova sfida – ha proseguito Luigi Tarriconenoi siamo un’organizzazione che ha grandi professionalità in quasi tutti i campi, composta da professionisti, imprenditori, insegnanti, dipendenti pubblici e privati impegnati ogni giorno a favore delle loro comunità. Dobbiamo adesso mettere queste professionalità al servizio dei giovani, della pubblica amministrazione e delle imprese per aiutare la ripartenza del Paese”.

Chi sono i Lions?

Lions Clubs International – nata nel 1917 – è la più grande organizzazione internazionale di club di servizio con oltre 1 milione 400 mila soci distribuiti in 46 mila club in tutto il mondo. In Italia è presente con oltre 1.300 club e 40.000 soci. Impegnati fin dalle origini nella difesa della vista, in Italia i Lions dispongono di uno dei maggiori centri per l’addestramento di cani guida a livello europeo e operano attraverso numerosi progetti su scala nazionale tra i quali Sight for Kids, che ha già generato oltre 100.000 screening pediatrici per l’ambliopia.

I nostri progetti per le comunità sono spesso focalizzati sui giovani e le scuole tramite programmi formativi quali il Concorso Un Poster per la Pace, i Campi e Scambi Giovanili e programmi di formazione quali Progetto Martina (prevenzione dei tumori giovanili) e “Interconnettiamoci… ma con la testa” per la prevenzione del cyberbullismo. Lions Clubs International Foundation, la fondazione internazionale dei Lions, ha fin qui erogato oltre 1 miliardo di dollari di contributi per finanziare progetti umanitari locali e globali. (a cura di Rosa CENTOLA – Comitato Marketing e Comunicazione Lions Club San Marco in Lamis)