San Marco in Lamis, “Italia in Comune” chiede più sicurezza: «Solo 3 vigili urbani. Inammissibile!»

Print Friendly, PDF & Email

“Italia in Comune” dell’avv. Antonio Turco torna a stuzzicare l’amministrazione comunale di San Marco in Lamis. L’argomento questa volta è la scarsa sicurezza che si vive in paese a causa dell’organico ridotto della Polizia Municipale. Problema annoso – e non di poco conto – cui la giunta Merla dovrebbe rimediare in parte tramite la procedura di selezione pubblica, già avviata, per reclutare due agenti a tempo determinato (pochi giorni fa è stata nominata la commissione giudicatrice).

La sponda la fornisce un post pubblicato sui social corredato dall’immancabile selfie nel quale un componente della giunta comunale annuncia una «riunione per discutere problematiche amministrative e pianificare gli interventi per le prossime settimane».

«Abbiamo letto – esordisce Italia in Comune – che l’amministrazione comunale di San Marco in Lamis sta pianificando le attività per le prossime settimane. Chiediamo quindi che ci sia una pianificazione verso la materia sicurezza, perché è inammissibile che in un paese di 13 mila abitanti ci siano solo 3 vigili urbani. Oltre ad attaccare proponiamo una collaborazione con la polizia municipale dei paesi limitrofi o l’assunzione di alcuni vigili a tempo determinato durante questa pandemia».

Poi concludono: «Volevamo inoltre far notare che la mattina, dalle ore 8 alle 12, c’è’ un assembramento di macchine nei pressi di un incrocio per effettuare il tampone presso l’ex ospedale della nostra città. Non sarebbe il caso di controllare?»