Alluvione lampo a San Marco in Lamis, Angelo Cera: «E’ francamente assurdo vedere il sindaco Merla fare la vittima!»

Print Friendly, PDF & Email

Nel 2014 e precisamente nel mese di settembre, il paese di San Marco in Lamis, proprio nel mentre ero in carica da Sindaco, fu colpito da un’alluvione. Frane, smottamenti, fummo addirittura costretti a evacuare una parte del paese e purtroppo contammo anche una vittima trascinata dall’acqua del canale Fajarama.

Fui costretto, anche con toni piuttosto duri, a far intervenire il Governo, difatti l’allora Ministro all’ambiente Gianluca Galletti si recò sui luoghi del disastro e con appositi atti mise a disposizione del Comune di San Marco la cifra di ca. 9 milioni di euro per la messa in sicurezza del territorio.  Gli interventi di somma urgenza (tampone) eseguiti all’epoca erano frutto del lavoro dell’Amministrazione Comunale, Dirigenti di settore e dipendenti comunali. Opere che ieri hanno ridotto di parecchio il danno e hanno mantenuto bene all’ondata.

Ma parliamo pur sempre di interventi tampone in attesa dell’utilizzo dei 9 milioie di Euro messi a disposizione del Governo e che dovevano servire per regimentare le acque a monte. Da anni, esattamente dal momento in cui ho smesso di fare il Sindaco, sto chiedendo all’attuale amministrazione Merla il perché non siano ancora stati spesi e di conseguenza effettuati i lavori di messa in sicurezza della Città.

Ed è francamente assurdo vedere il Sindaco Merla fare la vittima!

L’Amministrazione comunale e la Regione Puglia diano spiegazioni rispetto al non utilizzo dei fondi sul dissesto idrogeologico, perché, nel caso ci fossero altri eventi del genere e ai danni conteremo anche le vittime sapremo a chi imputare la responsabilità. Non è tollerabile la lentezza dell’apparato burocratico rispetto alle vite delle persone! – è quanto si legge nella nota stampa a firma dell’Onorevole ed ex primo cittadino di San Marco in Lamis, Angelo Cera.